“Lavori al Puttilli e al Manzi-Chiapulin, uno scempio amministrativo” Le accuse del presidente della commissione Lavori Pubblici Flavio Basile

“Lavori al Puttilli e al Manzi-Chiapulin, uno scempio amministrativo” <small class="subtitle">Le accuse del presidente della commissione Lavori Pubblici Flavio Basile</small>

Ancora gli interventi previsti per la pista di atletica “Pietro Paolo Mennea” e nel contempo dello stato dell’arte dei lavori allo stadio comunale “Puttilli” e dell’ampliamento del campo di calcio “Manzi-Chiapulin” sul banco degli imputati. A intervenire sul tema, rilanciato negli scorsi giorni dalla riunione della IV Commissione Lavori Pubblici, è il presidente di commissione e consigliere di opposizione Flavio Basile.

Manzi-Chiapulin, l'estern

Manzi-Chiapulin, l’estern

“Dai lavori di Commissione è stato confermato che il Comune di Barletta è tra i beneficiari, assieme ad altri sei Comuni Italiani, dei nuovi fondi stanziati dal Governo Centrale per il recupero e la riqualificazione di aree e/o strutture collocate nelle periferie delle città. Tra queste il Governo per il tramite del CONI ha individuato la pista di atletica intitolata al compianto e grande campione concittadino Pietro Mennea. Per la pista sono stati destinati, grazie all’intervento del Presidente Nazionale, Dott. Giovanni Malagò, 1,3 milioni di euro” scrive Basile in una nota. All’incontro erano presenti i consiglieri componenti Gennaro Calabrese e Antonello Damato ed il presidente dell’A.S.D. Barletta Calcio 1922, Giuseppe Pollidori. Nel corso della riunione la Commissione i componenti hanno ascoltato ed interrogato l’assessore allo Sport, Antonio Divincenzo e l’assessore ai Lavori Pubblici, Azzurra Pelle.“Nel corso della Commissione-prosegue Basile-abbiamo appurato che 800mila euro verranno impiegati per il rifacimento della pista mentre il restante importo verrà utilizzato per interventi accessori finalizzati a rendere la pista adeguata ed in grado di poter ospitare appuntamenti sportivi d’atletica di richiamo nazionale ed internazionale. Dove sta il paradosso? Come si potranno ospitare i suddetti appuntamenti sportivi se non risulta ancora superata la problematica legata all’agibilità dello stadio? Il “Puttilli” come potrà consentire, a sportivi ed appassionati, di assistere a gare d’atletica e di calcio se per la gradinata e le due curve non sono stati ancora previsti gli interventi di staticità necessari? L’Amministrazione Cascella, a dire dell’assessore Divincenzo, pare aver stimato per questi ulteriori lavori al “Puttilli”, frutto dei grossolani errori precedentemente commessi, una spesa complessiva di 610mila euro. Come ben noto, a fronte di una previsione di spesa, bisogna comprendere da dove recuperare tali risorse che, stando a quando dichiarato, l’Amministrazione vorrebbe attingere dal Bilancio Comunale. Allo stato però non è dato conoscere dettagli! Auspichiamo che con immediatezza il Sindaco e i suoi Assessori ci dicano con chiarezza se c’è la volontà e la possibilità di attingerli questi soldi. Nell’occasione abbiamo ritenuto opportuno contestare nuovamente l’azione intrapresa in maniera totalmente “autonoma” dall’Amministrazione di procedere all’ampliamento a circa 1000 posti dell’impianto “Manzi-Chiapulin”.

Stadio Puttilli

Da via Vittorio Veneto a via dei Mandorli il passo è breve. “Per questi lavori-conclude Basile-l’Amministrazione ha confermato di aver stanziato 260mila euro. Ci è stato riferito, inoltre, che il progetto definitivo redatto dall’Ing. Sasso di Bisceglie, incaricato dal Comune per l’opera, è stato regolarmente trasferito sulla piattaforma telematica al fine di scontare l’obbligatorio iter legato ad autorizzazioni e pareri da parte dei vari enti competenti in materia. E’ palese che l’impianto non sarà a disposizione entro la stagione così come è palese che si tratta di un’opera inutile con un dispendio inutile di risorse comunali. Serviranno a risolvere il problema? I lavori in questione consentiranno al Barletta Calcio, in caso di promozione in Serie D, di disputare il campionato? E’ stata chiesta una deroga alla FIGC per disputare in via del tutto eccezionale gli incontri di calcio in una struttura non proprio adeguata per la categoria? Riusciremo ad evitare lo spettro di nuove trasferte a Canosa? Tutti interrogativi e perplessità che non hanno trovato risposta nell’Amministrazione, la quale, nostro malgrado, si è detta finanche rammaricata per aver ereditato tale situazione. Non è così perché a parlare è stato proprio l’assessore Divincenzo, già assessore allo sport, nella precedente Amministrazione Maffei e quindi corresponsabile di questo scempio amministrativo!”.

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse