Barletta-Lecce 1-2, le pagelle dei biancorossi D'Errico e Mantovani, che intensità! Terzini da rivedere.

Barletta-Lecce 1-2, le pagelle dei biancorossi <small class="subtitle">D'Errico e Mantovani, che intensità! Terzini da rivedere. </small>

Liverani 6: Incolpevole sui due gol, mostra la consueta sicurezza nel corso della gara prendendosi anche i suoi rischi fuori dai pali della sua porta.

Ferreira 5,5: Probabilmente è il miglior giovane di proprietà da valorizzare. Contro il Lecce mette in mostra 45′ minuti a buoni livelli ma pecca di ingenuità quando affonda su Doumbia, beccandosi il secondo giallo. Nel complesso non male.

Camilleri 6: Partita condotta senza particolari sbavature e con la solita buona intesa con il suo compagno di reparto. Sui gol può fare poco anche lui.

Di Bella 6: Quando si tratta di mettere la gamba non si tira mai indietro. Se ne accorge Beretta, che viene tartassato fino alla fine della partita senza avere mai troppo spazio per pungere.

Pippa 5: Al rientro da titolare dopo tanto tempo, manifesta il suo ritardo di condizione. Deve incamerare minutaggio per poter trovare la forma partita ma lì a sinistra è imprescindibile.

Innocenti 6: Buona prova dal primo minuto per “El Locro”. Sempre presente in fase di impostazione, prova anche l’inserimento offensivo un paio di volte ma senza risultati.

Legras 6,5: Una delle migliori prestazioni da quando è a Barletta per il regista francese. Con il centrocampo a 3 può essere schierato nel suo ruolo naturale davanti alla difesa, dove ha la possibilità di esprimere al meglio il suo potenziale.

Mantovani 7: In costante crescendo da qualche partita a questa parte, con il Lecce anche lui beneficia del nuovo schieramento tattico. Da mezzala sinistra ha l’opportunità di pungere in avanti senza il timore di dover recuperare subito la posizione. Pregevole il gol che porta i suoi in vantaggio. Partita di grande intensità.

Ilari 5,5: Un po’ esterno offensivo, un po’ trequartista da albero di natale. Questa posizione ibrida forse lo manda in confusione. Non una delle sue migliori prestazioni.

Ganz 5,5: Sgomita tra i due centrali ritagliandosi molto spazio per giocare di sponda ma poco per smarcarsi e concludere a rete. Da rivedere magari in appoggio ad una prima punta.

D’Errico 7 (il migliore): Da esterno offensivo sinistro è devastante. Alza costantemente i ritmi, costringe la difesa leccese a moltiplicargli la marcatura e lui puntualmente spezza i raddoppi con facilità disarmante. Con un po’ più di precisione in fase di finalizzazione staremmo commentando una prestazione da 8 in pagella… e probabilmente di un altro risultato.

Maccarone, La Mantia, Campagna sv: poco tempo per poter incidere sulla partita.

Orlandi 5,5: La scelta di schierare il 4-3-3 è la migliore per valorizzare le potenzialità dei nuovi arrivati dal calciomercato. Sbaglia però quando decide di lasciare in campo un Ferreira ammonito e con un Doumbia in gran forma che lo puntava insistentemente. L’attenuante è data dal fatto che sostituti effettivi in quel ruolo non ce n’erano.  Ad ogni modo, in un campionato senza retrocessioni, è più apprezzabile un atteggiamento tattico più votato al gioco a viso aperto, piuttosto che difese basse e schierate con tre centrali e due terzini.

 

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse