L'angolo di Lelio – X puntata

 

LA LEVA CALCISTICA DEL ‘94

 

[blockquote]“Emanuele cammina che sembra un uomo, con le scarpette di gomma dura, diciotto anni e il cuore pieno di paura”.[/blockquote]

Copertina obbligatoria, citando Francesco De Gregori, per Emanuele Pio Cicerelli, non ancora diciannovenne. Il ragazzo promette bene, deve solo mantenere i piedi per terra e farà strada. Bella prova dei biancorossi, scesi in campo a Carrara con giusta grinta e determinazione, specie nella ripresa, dopo un primo tempo nel quale avevano concesso troppo ai toscani.

Nella giornata in cui il capitano calciava un paio di punizioni calzando gli geta, tradizionali sandali giapponesi, mandando il pallone, da lui quasi sempre indirizzato nel sette, alle stelle, i ragazzi ribaltavano il risultato grazie alle splendide reti del bambino d’oro e di typhoon Molina, motorino instancabile.

Il vantaggio dei locali ci aveva fatto tremare anche perché a Sorrento i costieri mettevano in difficoltà il Catanzaro. Ma alla fine Fioretti, autore della rete, che aveva regalato i tre punti ai fratelli in quel di Barletta, ci restituiva il maltolto, punendo un generoso Sorrento e regalandoci la qualificazione ai playout.

Il primo obiettivo stagionale è stato raggiunto. Lunga e faticosa è stata questa stagione. E non è affatto terminata, il bello deve ancora venire. Adesso bisogna fare quanti più punti è possibile per ottenere il miglior piazzamento in vista degli spareggi.

In questa fase della stagione, con la Berretti fuori dai playoff, porterei in prima squadra Palmitessa, attaccante che potrebbe tornare molto utile. A maggior ragione ora che il pallone ufficiale della Lega Pro si è rivolto a C’è Posta per te per sapere, con l’aiuto di Maria De Filippi, come mai Barbuti abbia chiuso ogni rapporto con lui.

Proprio lui, che è disposto a tutto, anche a farsi prendere a calci e a farsi scagliare in rete. Ma Barbuti è un gentiluomo e non lo calcia, figuriamoci sognarsi di scagliarlo in rete. Ironia a parte, certe stagioni per alcuni calciatori appaiono stregate. La mia idea è che Barbuti possa diventare un buon attaccante. Finora a Barletta ha deluso.

Domenica prossima c’è il Viareggio. Bisogna vincere per provare a raggiungere l’Andria e rimanere mentalmente concentrati. Dal Viareggio non accettiamo scherzi, anche perché il carnevale è passato da un pezzo. Dobbiamo sfruttare il momento positivo magari preservando qualche calciatore in vista dei playout, provando altresì a recuperare chi finora ha giocato meno. Mi riferisco ai vari Dall’Oglio, Carretta e Meduri.

Complimenti al mister Orlandi per aver ricaricato mentalmente la squadra e per aver creduto in Cicerelli.

Emanuele capì fin dal primo momento, l’allenatore sembrava contento e allora mise il cuore dentro alle scarpe e corse più veloce del vento. Prese un pallone che sembrava stregato, accanto al piede rimaneva incollato, entrò nell’area, tirò senza guardare ed il portiere lo fece passare.

Forza Barletta, sempre.

Lelio Della Duchessa

 

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse