Tennistavolo ACSI ONMIC Barletta salva in C1 nazionale In c2 playoff nel mirino

Tennistavolo ACSI ONMIC Barletta salva in C1 nazionale <small class="subtitle">In c2 playoff nel mirino</small>

Sabato 4 e domenica 5 maggio scorsi è andato in scena il “penultimo atto” dell’attività agonistica a squadre sotto l’egida della Federazione Italiana Tennistavolo, sia a livello nazionale che regionale. Anche la Polisportiva Dilettantistica ACSI ONMIC Barletta, al suo trentottesimo anno consecutivo d’ininterrotta attivita’ federale, si accinge a concludere una stagione intrisa di gratificazioni ma anche di inenarrabili difficoltà. Un pareggio e una sconfitta: è stato questo il magro bottino rimediato nel tredicesimo turno della regular season dalle due formazioni facenti capo allo storico sodalizio barlettano ed impegnate in Campionati a Squadre di differente livello.

Precedenza dovuta al team ACSI Ottica Lamusta Barletta, partecipante alla Serie C1 Nazionale, “piegato” tra le mura aniche dall’A.S.D. Pegasus Matera con lo score di 3 a 5. Sconfitta “attesa”, quella rimediata dalla compagine barlettana contro i lucani che, già nel match di andata, si rivelarono avversari di elevata caratura tecnica e particolarmente ostici. Nonostante l’assenza (per un infortunio alla gamba destra) di Dominique Straniero, l’organico targato ACSI Ottica Lamusta ha lottato con le unghie e con i denti per conquistare l’intera posta in palio ma non è riuscito nel suo intento.Encomiabile la prestazione di Vito D’Amore (tornato in campo dopo alcuni anni di assenza), autore di un sorprendente successo sul materano D’Ercole. Un’altra “giornata nera”, l’ennesima, per il pongista Italo -francese Maurice Rotondo che, nonostante una vittoria, e’ apparso in pessima condizione psico – fisica. Il terzo punto per la formazione barlettana e’ stato conseguito dal talentuoso defender Mario Sardella, lui pure non certo in forma smagliante.

Nonostante lo scivolone “programmato” contro la valentissima formazione materana, l’ACSI Ottica Lamusta Barletta ha mantenuto il quinto gradino della classifica, mettendo in cassaforte la prestigiosa permanenza in questa Serie Nazionale. Il rafforzamento dell’organico che,nel prossimo mese di settembre, rappresenterà il tennistavolo barlettano a squadre in ambito nazionale per il trentanovesimo anno consecutivo è una condicio sine qua non. Nel Campionato di Serie C2, l’ACSI Lamusta “A” e’ stata bloccata sul 3 – 3 dall’A.S.D. Ennio Cristofaro Casamassima 2. Non e’ bastato l’en plein del fighter Giuseppe Damato ( con 2 vittorie nei due incontri disputati in questo confronto si e’ confermato uno dei migliori pongisti della C2), non e’ bastata la preziosa vittoria di Enzo Sansonne (altalenante il suo rendimento in questo Campionato), non e’ bastata la determinazione del Presidente ( stagione da dimenticare la sua).

Per effetto di questo pareggio, il quinto messo a segno dal team barlettano, l’ACSI Lamusta “A” dovra’ lottare stoicamente fino all’ultimo match dell’ultima giornata (in programma sabato 11 maggio) per salire sull’ultimo treno che conduce alla tanto sospirata salvezza. Il potenziale tecnico di cui dispone la formazione barlettana (della quale ,e’ opportuno ricordare, fanno parte integrante anche gli esperti Giacomo Dicataldo e Giacomo Capuano) lascia ben sperare in questo rush finale.