Barletta-Gallipoli 0-1, le pagelle Male Scialpi, Negro si divora il gol decisivo. Biancorossi al quarto posto

Barletta-Gallipoli 0-1, le pagelle <small class="subtitle">Male Scialpi, Negro si divora il gol decisivo. Biancorossi al quarto posto</small>

Il Barletta 1922 ripaga con gli interessi la rocambolesca vittoria dell’andata, con la differenza che, in questo momento della stagione, i punti valgono praticamente il doppio. Il Gallipoli vince 1-0 al Manzi-Chiapulin e pone fine alla striscia di venti risultati utili consecutivi. I biancorossi appaiono alle corde, provati dalla pressione del rush finale e soprattutto accusano il contraccolpo psicologico del gol annullato in extremis ad Otranto. Il risultato è la terza sconfitta stagionale, nonché la terza casalinga, e il sorpasso della Fortis Altamura al terzo posto. Adesso c’è il serio rischio di vedere il Brindisi già alle fasi playoff nazionali. Queste le pagelle.

Sansonna, voto 5,5: il Gallipoli calcia raramente e non prende mai la porta. Nell’unica occasione in cui ci riesce, il portiere biancorosso non riesce a leggere la situazione con Aprile: ne approfitta Maiolo, che lo trafigge e segna il gol decisivo per la vittoria dei salentini.

Aprile, voto 5: si lascia sfuggire il match-winner alle proprie spalle, nell’unico reale pericolo creato dal Gallipoli. Nervoso per tutta la partita, battibecca a più riprese con l’arbitro che, alla fine, lo ammonisce per il fallo meno cattivo. Accusa la tensione del momento.

Bruno, voto 5,5: pochi affanni dalle sue parti, ma in quei rari momenti va in difficoltà sulla lunga distanza e costringe Aprile a ripiegare come può. Ci si aspetta anche qualcosa in più in fase di impostazione, ma il centrale biancorosso non riesce a far salire la squadra.

Lamacchia, voto 6: Cinque cambia spesso modulo a partita in corso, ma l’under della difesa se la cava egregiamente sia da centrale che da terzino. Punta spesso l’uomo, a volte riesce ad eludere il raddoppio buttandosi per vie centrali o cercando il fondo, è il migliore del pacchetto difensivo.

Nannola, voto 5,5: tante aspettative riposte in lui, ma non rispettate contro il Gallipoli. Confusionario in mezzo al campo, tra i motivi che spingono Cinque a cambiare modulo e a spostarlo di fascia. Dura solo un tempo, poi il cambio in una giornata decisamente sotto ritmo.

Milella, voto 6: è l’unico che a centrocampo si sbraccia e cerca di portare a casa qualcosa di concreto, ma il nervosismo di una domenica nata storta si fa sentire sul giocatore più sanguigno della squadra. Ce la mette davvero tutta, finisce la partita stremato a bordocampo.

Diomandé, voto 5,5: parte con un buon ritmo e fa spesso la spola tra difesa e attacco, poi un crollo in picchiata che lo fa sparire dal centro dell’azione. Il Gallipoli si fa sentire a centrocampo e l’under biancorosso fatica a stare al passo degli avversari.

Varsi, voto 5,5: le difese hanno ormai capito il gioco dell’esterno napoletano, costretto ad aggirarle per vie centrali per evitare il raddoppio di marcatura. Qualche spunto isolato, poi si intestardisce e vuole fare tutto da solo. I compagni di squadra non lo assistono al meglio, ma nemmeno lui è in giornata.

Scialpi, voto 5: estremamente in tensione per il match contro la squadra della sua città, strappa un voto risicato solo per i pericoli creati su calcio piazzato. Poca roba e tanta pressione emotiva nel resto del match, fino al cambio del secondo tempo.

Negro, voto 5: il turning point della partita potrebbe essere il suo pallonetto a Passaseo, ma lo spedisce clamorosamente fuori. Pesa come un macigno nell’economia del match, i salentini prendono coraggio dal pericolo scampato mentre il numero 11 viene chiamato fuori dalla contesa.

Saani, voto 5: decisamente una partita non per lui, imbrigliato dalla difesa del Gallipoli senza che abbia mai la possibilità di colpire a rete. Ci prova nel primo tempo con un colpo di testa su calcio piazzato, ma è davvero troppo poco in una sfida che può cambiare la stagione in negativo.

Morra, voto 5,5: entra al posto di Nannola nel secondo tempo, ma non imprime quel marchio interessante che si è intravisto nelle uscite precedenti. Complice l’inerzia della partita, l’under non spicca e si uniforma alla prestazione dei compagni di squadra.

Faccini, voto 6: il suo ingresso in campo, contrariamente alle scorse domeniche, scuote la squadra in zona offensiva e fa salire l’intensità del reparto avanzato. Ci prova con un paio di spunti, compreso uno su punizione, ma la fortuna non lo assiste.

Lorusso, voto 5,5: entra per l’ultimo quarto di partita e crea diversi spazi potenzialmente interessanti, ma non c’è occasione per colpire verso la porta con decisione. Si sbraccia come può contro la difesa del Gallipoli, il risultato non è dei migliori.

Cinque, voto 5,5: i repentini cambi di modulo fin dal primo tempo lasciano intendere un’idea poco chiara di come affrontare il Gallipoli, complice la prestazione tutt’altro che convincente della squadra. Si ritrova costretto a recuperare lo svantaggio senza Negro e Scialpi, sostituiti poco prima del gol. È lo specchio di una squadra stanca.

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Titolo

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse