Puttilli, ruoli e responsabilità sul tavolo Dal Barletta 1922 all'amministrazione comunale, passando per Alvisi, Coni e Masellis

Puttilli, ruoli e responsabilità sul tavolo <small class="subtitle">Dal Barletta 1922 all'amministrazione comunale, passando per Alvisi, Coni e Masellis</small>

La consegna dei lavori di demolizione ha riportato in auge la questione Puttilli, che rimarrà al centro di costanti aggiornamenti per tutto l’arco dell’anno appena cominciato. Con l’inizio della cantierizzazione e l’incedere della dead-line fissata nella mattinata di ieri, il tavolo su cui si svilupperà il prossimo step dello stadio di via Vittorio Veneto chiama in causa quattro fronti, tutti fondamentali per il completamento dell’opera.

Il Comune di Barletta, per forza di cose, ricopre il ruolo principale nella vicenda dello stadio cittadino. Il sindaco Mino Cannito ha dato conto delle difficoltà burocratiche che sono emerse nel corso degli ultimi mesi, ringraziando tecnici e assessori per l’impegno profuso. Già nei giorni precedenti l’assessore ai lavori pubblici Gennaro Calabrese, presente all’evento, aveva anticipato il primo cittadino nel resoconto delle mansioni dell’amministrazione comunale, rinviando i dettagli più concreti agli esperti dell’impresa appaltatrice e allo stesso sindaco.

PROMO mini

Diverso, invece, il comportamento dell’assessore allo sport Michele Lasala, che ad ottobre aveva ipotizzato un’apertura parziale del Puttilli tra gennaio e febbraio. Non solo in termini di mera tempistica, ma anche alla luce delle considerazioni degli ingegneri, un traguardo così delicato con una scadenza così imminente sembra pura utopia. È quindi opportuno che, visto il terreno pericolante su cui ci si muove da anni in materia di impiantistica sportiva, le autorità politiche evitino di dettare tempi e tracciare dinamiche, un ruolo di competenza altrui se non viene specificata la fonte della dead-line. L’auspicio, ovviamente, è che l’assessore abbia ragione al fotofinish, in modo tale che la struttura sia parzialmente fruibile già dalle prossime settimane, ma al momento sembra una soluzione decisamente lontana.

Seconda parte in causa è il Barletta 1922, la società sportiva che più di tutte sta spingendo per l’ottenimento del Puttilli in qualunque forma, sia parziale sia totale. La triste verità è che le associazioni podistiche e i rappresentanti dell’atletica barlettana, eccezion fatta per Domenico Ostuni (presente ieri mattina, ndr) e in parte per Veronica Inglese, si sono accontentati dell’inaugurazione della pista d’atletica del 28 novembre 2017, abbandonando di fatto l’interesse per la fruibilità del resto della struttura.

Adesso, con le corsie bloccate dalla cantierizzazione, potrebbe esserci una rinnovata attenzione per l’argomento, ma il Barletta Calcio è sostanzialmente da solo contro tutti: la dirigenza biancorossa ha presenziato alla consegna dei lavori, chiedendo a gran voce il rispetto delle tempistiche e la possibilità di disputare al Puttilli già gli eventuali playoff della stagione 2018/2019, o comunque l’intera stagione 2019/2020. Dimiccoli e Pollidori hanno continuato il pressing nei confronti dell’amministrazione comunale, con l’auspicio che non si abbassi la guardia soltanto perché la parte burocratica è giunta al termine. Almeno per ora.

La terza postazione del tavolo, la più impegnativa, spetta al Coni. All’ente nazionale spetterà il compito di indire la gara per la fruibilità e l’agibilità definitiva al termine dei lavori di demolizione, un processo che il sindaco Cannito ha definito estremamente delicato ma che, a quanto pare, verrà facilitato ed accelerato dallo stesso Coni. Monitorare la situazione fin da questo momento è importante affinché non si perdano giorni preziosi tra il termine dei lavori e la sottoscrizione della gara.

Ieri mattina, a rappresentanza del Comitato, c’era l’ex delegato provinciale Isidoro Alvisi. Il dirigente barlettano, che dal marzo 2017 ha lasciato l’incarico al tranese Antonio Rutigliano ed è attualmente dirigente nazionale Federtennis, ha ugualmente presenziato all’evento dopo aver seguito una parte della trafila legata al Puttilli. Va però ricordata, suo malgrado, una reiterata carenza di attenzione dell’allora delegato provinciale che, interpellato a più riprese dagli organi d’informazione, si è limitato a dare risposte preconfezionate sull’argomento o a non aggiungere nessuna informazione in più che il suo ruolo avrebbe dovuto presupporre. La questione legata al Coni, dunque, merita un monitoraggio costante.

L’ultimo ruolo da assegnare spetta alla neo-entrata Masellis, l’azienda di Sannicandro di Bari che ha preso in carico le operazioni di demolizione e le metterà in atto a partire dalla cantierizzazione di lunedì. Un primo tassello è emerso dai dettagli delle operazioni: gli ingegneri dell’impresa appaltatrice hanno illustrato i passaggi dei prossimi 120 giorni, dichiarando l’obiettivo di voler concludere il tutto prima della scadenza. Inoltre, l’apertura nei confronti degli organi di stampa dovrebbe garantire un facile aggiornamento dello stato dell’arte nel corso dei prossimi quattro mesi.

Tuttavia, è lecito mantenere i piedi di piombo sulla vicenda, dopo le innumerevoli complicazioni che in passato hanno caratterizzato la CMS e la relativa cantierizzazione a suo carico. La fiducia non è esattamente la prima componente espressa dalle associazioni sportive interessate, su tutte il Barletta 1922, che continuerà a battere sull’argomento con la mediazione e l’interessamento dell’amministrazione comunale prima e del Coni poi. La Masellis ha un ruolo esclusivamente di carattere manuale e logistico, ma ciò non la esonera dalla collaborazione su più fronti per la riuscita complessiva delle operazioni legate al Puttilli.

Con questi presupposti e queste responsabilità che non lasciano alcuna parte in causa fuori dalla lente d’ingrandimento, ci si appresta a vivere un 2019 estremamente intenso dal punto di vista dell’impiantistica sportiva. Il Puttilli potrebbe vivere la sua ultima fase di ristrutturazione, ammesso che la burocrazia e le operazioni di cantierizzazione vadano in porto come auspicato durante l’evento di ieri. Mantenere alta la guardia è il solito diktat.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Digitalab Home

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini