Barletta-Brindisi, è il momento: -1 al big match Biancorossi a caccia del secondo posto, salentini incitati alla partenza

Barletta-Brindisi, è il momento: -1 al big match <small class="subtitle">Biancorossi a caccia del secondo posto, salentini incitati alla partenza</small>

Soltanto altre 24 ore prima di tornare con la mente indietro di un decennio o, allo stesso tempo, prima di proiettarsi verso il futuro e le ambizioni di questo campionato. Barletta-Brindisi è dietro l’angolo in un weekend dell’Immacolata rovente e ricco di passione. Domani pomeriggio, a partire dalle 14:30, il Manzi-Chiapulin ospiterà le due squadre per avvicendarsi al secondo posto o blindarlo al giro di boa.

PROMO mini

La penultima giornata d’andata si apre con i biancorossi che cercano il ritorno alla vittoria dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano del Corato e il pareggio del Poli contro il Molfetta. Il calciomercato non ha ancora sortito gli effetti sperati, ragion per cui si andrà con gli stessi uomini di domenica scorsa più il solo Faccini, unico volto nuovo agli ordini di Cinque. Proprio il neo-biancorosso può tornare utile ad un anno e mezzo dalla chiusura della sua prima esperienza a Barletta: molto sarà legato alla condizione di Varsi, che ha continuato ad allenarsi dopo lo scampolo di partita a Molfetta ma è ancora alla ricerca della sua forma migliore.

Per il resto, formazione quasi obbligata per i padroni di casa, che dovranno rinunciare a Telera. Bruno prenderà il suo posto accanto ad Aprile, con Lamacchia e Fanelli under esterni con grandissime responsabilità. Centrocampo affidato come al solito a Scialpi, affiancato probabilmente da Diomandé. La terza pedina dovrebbe essere Milella, ma il fattore barlettanità legato ad un inserimento di Zingrillo non è da sottovalutare, né dal primo minuto né a partita in corso. Attacco che dovrebbe presentare ancora Negro e Saani, con l’auspicio di ritrovare al meglio anche Varsi. Faccini, dunque, in rampa di lancio.

Dopo la sconfitta casalinga nel big match contro il Casarano, invece, il Brindisi è chiamato al riscatto immediato per non scivolare dal primo posto in coabitazione con i salentini alla terza piazza solitaria nel giro di otto giorni. L’ex Barletta Lieggi e soprattutto il nuovo arrivato Archimede Morleo danno un pizzico di esperienza e brio in più alla squadra, che però dovrà rispondere al contraccolpo del ko di una settimana fa e soprattutto dovrà affrontare la trasferta di Barletta senza tifosi al seguito.

Tifosi che, ovviamente, sentono la sfida contro i biancorossi in maniera particolare. Per quella che è palesemente la sfida dell’anno, i biancazzurri hanno incitato i calciatori alla partenza per Barletta, prevista per questa mattina, a dimostrazione del peso specifico che ha il match non solo in termini puramente di classifica, ma anche sotto l’aspetto ambientale.

Tra poco più di 24 ore, in ogni caso, parlerà il campo e sarà l’unico fattore a determinare le sorti del weekend. Il fascino di Barletta-Brindisi è innegabile, nonostante la categoria non rispecchi la dimensione reale delle due piazze. Proprio questo sentirsi stretti in Eccellenza, però, può essere il catalizzatore per diventare l’antagonista del Casarano: i biancorossi sono ormai abbastanza maturi per prendere in mano le redini della situazione. Fischio d’inizio alle 14:30, l’arbitro sarà CAI: dirigerà Lorenzo Vacca di Saronno, coadiuvato da Antonio Conte di Taranto e Nicola Ostuni di Bari.

PROMO mini
PROMO mini