Barletta 1922, il momento di guardarsi negli occhi Ancora zero vittorie dopo nove giornate, a Casarano ennesima delusione

Barletta 1922, il momento di guardarsi negli occhi <small class="subtitle">Ancora zero vittorie dopo nove giornate, a Casarano ennesima delusione</small>

Va bene la comprensione per la partenza difficile durante le settimane estive, va bene l’obiettivo ridimensionato rispetto alle due annate precedenti, va bene l’impegno che compensa le carenze tecniche. Va bene tutto, finché non arriva un punto oltre il quale non si può più andare. Per il Barletta 1922, quel punto è dato da una striscia di nove giornate di campionato senza vittorie, con quattro punti in classifica e il peggior attacco dell’Eccellenza insieme all’Aradeo. La sconfitta di Casarano era preventivabile, come era preventivabile un day-after particolarmente delicato.

Accanirsi sulla questione tecnica, soprattutto dopo una trasferta che difficilmente avrebbe potuto regalare soddisfazioni ai biancorossi, diventa anche pesante e snervante. Subentra, a questo punto, una flessione psicologica che è figlia della sconfitta di Vieste: un crocevia che avrebbe dovuto avviare la risalita dai bassifondi, ma che invece ha affossato il morale della squadra. Le dimostrazioni sono arrivate ieri e, prima ancora, nel match di domenica scorsa contro l’Avetrana. Indolenza, incapacità di alzare il ritmo, oltre ad ingenuità e pressioni dovute meramente ai risultati.

Bellino Mini Wide

Si potrebbe dire che il Casarano ha vinto con un tiro da fuori e con la complicità di Cristallo, nell’unico vero pericolo subito dalla difesa biancorossa, ma allo stesso modo si deve dire che il Barletta si è lanciato all’attacco troppo tardi e in maniera del tutto casuale. I due gol annullati per fuorigioco non rientrano nelle recriminazioni, né tantomeno ci si può aggrappare ad episodi isolati dopo un’intera domenica sulla difensiva e basata sul lancio lungo per nessuno. Da qui si torna al punto di partenza: accanirsi sul calcio giocato appesantisce una situazione di per sé sfiancante.

Come se ne esce? La bacchetta magica non esiste, ma sicuramente c’è modo di non aggravare lo stato dell’arte. Mentre si attraversa l’ennesima settimana in cui si penserà alla sconfitta della domenica precedente, vanno dissolte le nubi che avvolgono la situazione legata a Rana e Fiorentino, non convocati per la trasferta di ieri. Una questione delicata e da risolvere al più presto, in modo da non aggiungere benzina sul fuoco e concentrarsi con un pizzico di serenità in più sui prossimi giorni. Con l’obbligo di assumersi le proprie responsabilità per quel che riguarda le prestazioni in campo.

Bellino Mini Wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini