Barletta 1922, uno stadio per stringere i tempi Come cambia il futuro biancorosso in vista dell'estate

Barletta 1922, uno stadio per stringere i tempi <small class="subtitle">Come cambia il futuro biancorosso in vista dell'estate</small>

Il comunicato del Gruppo Erotico ha dato il là ad un editoriale che, in maniera settoriale, ha scandito tempi e motivazioni ad ampio raggio per quel che riguarda il Puttilli. E dal Puttilli stesso parte un’altra diramazione, che non è quella legata al solo discorso della città in quanto tale. C’è di mezzo anche una società, quella del Barletta 1922, che dalle sorti del nuovo stadio può far dipendere il suo futuro.

In positivo, certo, considerando gli sviluppi degli ultimi dieci giorni, ma anche in negativo, perchè c’è una lezione che la piazza, oltre che la dirigenza, ha già imparato: senza garanzie, non ci si siede neppure al tavolo. Va da sé che il club biancorosso, dopo due anni di assestamento misto a delusione in Eccellenza, necessita di una spina dorsale robusta e ben articolata dal punto di vista economico e programmatico. Ma è palese che l’unica arma a proprio vantaggio sia proprio quella di un impianto restaurato, ingrandito e soprattutto disponibile in tempi brevi.

Bellino Mini Wide

Stilare una tabella di marcia è un compito della società in carica, ma si può costruire anche al di fuori, basandosi sugli eventi che si sono susseguiti negli ultimi giorni e che potrebbero accadere nei prossimi. Si parte ovviamente dal Puttilli e dalle esigenze espresse nel comunicato della tifoseria organizzata, che di fatto rispecchiano anche quelle del club: da parte degli enti comunali serve un intervento che dia seguito a quello di Caracciolo, in modo tale da poter avere un quadro chiaro su cui far leva per la prossima stagione e quelle a venire. L’ideale sarebbe ottenere certezze su distribuzione dei fondi, appalti e tempistiche entro la fine del mese, con la possibilità di muoversi con criterio durante l’estate e, soprattutto, stimolare la classe imprenditoriale cittadina a sfruttare positivamente la carta-stadio.

Nel frattempo, a mettere sotto pressione l’amministrazione c’è anche l’incontro con Ciro Annunziata, al momento l’unica figura ufficialmente intenzionata a rilevare il Barletta 1922. Stando a quanto dichiarato dalle due parti, il momento propizio per un nuovo confronto sarebbe metà maggio, il che anticiperebbe di qualche settimana un’ipotetica dead-line legata alla questione delle strutture. L’imprenditore campano, che ha finora accumulato esperienze nel calcio dilettantistico della sua regione, potrebbe anche avere concorrenza nella corsa al club, qualora il Comune di Barletta riuscisse a fornire le necessarie garanzie ad eventuali acquirenti barlettani.

È comunque fondamentale chiarire che il Puttilli sarebbe sì disponibile, ma solo dal 2018 in maniera completa e funzionale al pubblico. Indicare la fine di maggio come termine ultimo per le certezze relative a via Vittorio Veneto, in realtà, significa averle per la prossima stagione e per la successiva: nessuno prenderebbe questo Barletta per un solo anno, sapendo che lo stadio non sarà pronto al più tardi per il campionato 2018/2019. Per questo motivo, le stesse garanzie che dovrà fornire l’amministrazione comunale dovrà fornirle anche ogni potenziale acquirente: vivacchiare con l’avventuriero di turno, pronto a ritrattare alla prima occasione utile, è un lusso che questa piazza non può più permettersi.

Bellino Mini Wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Ipanema Top Boss

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Betland mini wide
Brainwave Skyscraper
Brezza Marina Articolo
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Zingrillo mini wide