Barletta 1922, contro il Noicattaro in un clima surreale Dopo la vittoria della juniores, biancorossi in campo per l'ultima in casa

Barletta 1922, contro il Noicattaro in un clima surreale <small class="subtitle">Dopo la vittoria della juniores, biancorossi in campo per l'ultima in casa</small>

Quando sembrava che, in una stagione nera, il peggio fosse passato, ecco arrivare la settimana peggiore dell’intero campionato. Il Barletta torna in campo contro il Noicattaro per l’ultimo match casalingo del 2016/2017, ma soprattutto si appresta a giocare dopo il disastro di Trani, la vergognosa pagina relativa a Moschetto e la vittoria della juniores nello spareggio di Canosa, che addirittura mette ulteriore pressione sulla prima squadra.

Tifoseria organizzata assente contro il Noicattaro.

ULTRAS ASSENTI – Per quel poco che ormai varrà il calcio giocato da qui al termine dell’annata, i biancorossi sono chiamati a dare qualcosa in più soprattutto per loro stessi, considerando già la pesante presa di posizione della tifoseria organizzata, che lascerà vuoti gli spalti del Manzi-Chiapulin e chiuderà con una triste cartolina il secondo campionato consecutivo in Eccellenza. Con i playoff definitivamente fuori portata, la sfida contro i nojani non assume alcun connotato particolare, se non quello di un orgoglio che sembra ormai svanito con la rimonta subita domenica scorsa.

PROMO mini

Juniores show a Canosa, vittoria ai rigori.

LA PRESSIONE DELLA JUNIORES – Chi si recherà in via dei Mandorli per assistere al match, fondamentalmente, sa cosa aspettarsi. Mentre i ragazzi di Dipaola hanno vinto la sfida con il Cerignola per il primo posto in campionato, la squadra di Pizzulli si avvia mestamente verso la fine della stagione, con poche possibilità di migliorare la propria posizione agli occhi della sparuta rappresentanza attesa oggi pomeriggio.

Sguera ancora dal primo minuto.

LA FORMAZIONE – Le scelte tecniche, a questo punto, lasciano il tempo che trovano. Ovviamente assente Moschetto, ormai fuori dai radar fino a fine stagione, così come Digiorgio, squalificato per un turno. In porta potrebbe andare Addario, anche se non si esclude una chance dall’inizio per Cristallo o Capossele. Il tecnico bitontino non dovrebbe discostarsi dal modulo abituale: Varola e Rizzi sugli esterni, Aprile e Monopoli al centro della difesa. In mediana andrà Dentamaro, con Zingrillo e Cormio a completare il reparto. Il trio offensivo, invece, vedrà nuovamente Sguera nelle vesti di terminale offensivo, soprattutto dopo il contraccolpo psicologico di Lorusso per l’errore dal dischetto a Trani. A supporto dell’attaccante barlettano ci saranno Mignogna e Lavopa.

Ultima occasione quantomeno per farsi onore, ma sulle spalle del Barletta continua a pesare ciò che è successo sette giorni fa. Molto farà la reazione del pubblico, prima, durante e dopo il match, con l’aggravante o l’attenuante del risultato che maturerà contro il Noicattaro. Fischio d’inizio alle ore 16:00, arbitra Salanitro di Bari. Assistenti Abbinante di Bari e Ciocia di Molfetta.

I CONVOCATI

Portieri: Addario, Capossele, Cristallo;
Difensori: Donvito, Lisi, Varola, Messere, Aprile, Monopoli, Mannarini, Rizzi;
Centrocampisti: Cormio, Dentamaro, Grumo, Mignogna, Zingrillo, Khalil, Rubino, Lavopa;
Attaccanti: Faccini, Sguera, Lorusso.
PROMO mini
PROMO mini