Barletta 1922, subito un’altra chance a Gallipoli Corsa playoff, nulla è perduto ma serve un miracolo. Si recupera alle 15

Barletta 1922, subito un’altra chance a Gallipoli <small class="subtitle">Corsa playoff, nulla è perduto ma serve un miracolo. Si recupera alle 15</small>

L’amaro in bocca non è ancora sparito del tutto, ma perlomeno c’è uno step importante da cui riprendere la marcia. Nonostante le difficoltà innegabili in un campionato che ormai è da considerarsi compromesso, il Barletta non ha intenzione di dire addio alla corsa playoff. Il recupero della 17^ giornata, rinviata per maltempo dopo l’Epifania, mette i biancorossi di fronte al Gallipoli, nell’insolito giovedì di campionato in Salento.

Salento indigesto, ultima gioia ad Otranto.

L’APPROCCIO – Finora, la parte meridionale della Puglia ha riservato pochissime soddisfazioni alla squadra di Pizzulli, praticamente nessuna, eccezion fatta per la vittoria di Otranto a novembre. Battere i giallorossi, impegnati nella lotta salvezza e distanti tre punti dalla prima posizione utile per la permanenza senza playout, è un compito che non può essere sottovalutato. La situazione complicata di Digiorgio e compagni, sia dal punto di vista del rendimento che dell’organico a disposizione, apre il match a qualsiasi risultato, ma bisogna ripartire da quanto di buono visto al Monterisi.

PROMO mini

Emergenza dopo le espulsioni di domenica.

LE SQUALIFICHE – Il problema è che, delle buone cose viste a Cerignola, c’è la vena realizzativa di Lorusso, che però salterà per squalifica la trasferta di Gallipoli. L’espulsione dalla panchina riduce il parco attaccanti a due soli nomi, Faccini e Sguera, con il tecnico bitontino che dovrà reinventarsi l’attacco e sperare nella stessa freddezza sotto porta da parte degli altri due interpreti. Non ci sarà nemmeno Lavopa, espulso dopo pochi minuti dal suo ingresso ed autentica miccia da cui si è scatenato il parapiglia a bordocampo. L’unica nota positiva è il ritorno di Varola sulla corsia sinistra di difesa, che quindi libera un posto per i senior in mediana. Le emergenze in zona offensiva, invece, proiettano in rampa di lancio Khalil e Rubino, sperando in un ritorno di Mignogna a pieno ritmo dopo gli scampoli di domenica scorsa. Per il ruolo di centravanti, invece, la lotta è aperta con il fifty-fifty tra gli unici due convocati.

All’andata fu 3-0, ma era un altro Barletta.

L’AVVERSARIO – Il Gallipoli, dal canto suo, arriva al recupero di domani con 17 punti totali, di cui 11 in casa (2 vittorie, 5 pareggi e 2 sconfitte, ndr). Il ritardo di tre punti dal Novoli lascia i salentini in zona playout, dalla quale rischia di non uscire per via della fuga del Galatina, che quindi riduce il discorso a due sole squadre. Il pareggio di Altamura e la netta vittoria proprio contro il Galatina, però, ha rilanciato le ambizioni della squadra, che adesso crede realmente nella salvezza diretta. L’auspicio dei tifosi biancorossi, attesi domani pomeriggio al Bianco, è che il Barletta riesca a non dare ulteriore credito alle speranze degli avversari.

UN PASSO ALLA VOLTA – La giornata di domani dovrebbe essere di transizione, visto che ognuna delle concorrenti di vertice affronterà rivali tutto sommato abbordabili. Sta alla squadra di Pizzulli rimanere incollata al gruppone e non staccarsi ulteriormente dal quarto posto, in attesa di turni favorevoli come quello di domenica, al Manzi-Chiapulin contro il Galatina. Calcoli a lungo termine, però, non se ne possono fare: a Gallipoli, il Barletta deve andare per vincere e per proiettarsi al meglio verso l’ultima parte del campionato. Fischio d’inizio alle ore 15:00, arbitra Tagliente di Brindisi. Assistenti baresi, Colavito e Ostuni.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini