Infortuni e segnali di miglioramento, bilancio agrodolce per il Barletta Basket Tre vittorie e sei sconfitte per i biancorossi. L'8 gennaio si riprende con la Juve Trani

Infortuni e segnali di miglioramento, bilancio agrodolce per il Barletta Basket <small class="subtitle">Tre vittorie e sei sconfitte per i biancorossi. L'8 gennaio si riprende con la Juve Trani</small>

Tre vittorie e sei sconfitte nel girone d’andata per il Barletta Basket. Non è stato sicuramente un girone d’andata indimenticabile per i biancorossi di coach Marco Lattanzio che, al primo anno nel campionato di Promozione, gravitano al settimo posto in classifica, con la zona playoff distante quattro punti.

Gli infortuni- Il girone d’andata del sodalizio barlettano è stato caratterizzato, sin dalle prime battute, da numerosi infortuni che hanno condizionato i piani di una squadra con buone individualità. Pesante, in tal senso, è stato l’inatteso stop occorso a Gianfranco Falcone nel corso della prima giornata di campionato contro la Juve Trani. Frattura della tibia per l’ex playmaker dell’Udas Cerignola, colpo a effetto del mercato del Barletta Basket che si è dovuto privare di un elemento di grande esperienza, un vero lusso per la categoria. L’infortunio del regista barlettano ha inevitabilmente complicato i piani della società biancorossa, che successivamente ha dovuto far fronte anche ai problemi fisici di Andrea Cancelli, l’anno scorso in Serie C. Insomma due grandi batoste che hanno costretto coach Lattanzio ad adattare capitan Chiandetti nel ruolo di esterno, dando spazio in cabina di regia a Rotondo e Mele. Il terzo stop, occorso questa volta proprio al numero 4 biancorosso nell’ultima giornata del girone d’andata, ha chiuso dunque un inizio di campionato colmo di sventure.

PROMO mini

Miglioramenti evidenti- Se il bicchiere viene visto mezzo pieno, non mancano le note positive per il Barletta Basket. Un capitolo a parte merita sicuramente Sandro Chiandetti, top scorer della squadra con 18 punti di media a parte ed elemento insostituibile all’interno del roster barlettano. All’individualità si aggiungono anche sensazioni positive, in quanto, Foggia e Juve Trani a parte, il Barletta Basket si è giocato punto a punto quasi tutte le partite, cedendo solo nel finale per scarsa lucidità e mostrando una condizione fisica in crescendo. Le sconfitte di misura con le capoliste, Aurora e N.V. Corato, ma, soprattutto, le vittorie entusiasmanti contro le due lucerine, Sveva Pallacanestro e Basket Lucera, hanno dato sicuramente segnali incoraggianti che devono essere custodite nel girone di ritorno. Certo, la classifica dice che al momento i biancorossi sono in piena lotta playout, ma la classifica resta equilibrata e, con una maggiore continuità, si potrebbe sognare un piazzamento ai playoff per il girone di ritorno.

Cercare dunque di coltivare quanto di positivo è stato prodotto fino a questo momento: questo è l’auspicio del Barletta Basket che inizierà l’8 gennaio il suo girone di ritorno, ospitando al PalaMarchiselli, la Juve Trani.

PROMO mini
PROMO mini