Mignogna: il rigore, il cuore e la mente Un errore che pesa, ma una lezione preziosa attraverso il post sui social

Mignogna: il rigore, il cuore e la mente <small class="subtitle">Un errore che pesa, ma una lezione preziosa attraverso il post sui social</small>

Acquisire la consapevolezza di un errore, anche se puramente tecnico, e dimostrare di saper rispondere con maturità al momento negativo. Francesco Mignogna è il volto della sconfitta, quella del Barletta nel fondamentale scontro playoff contro il Casarano. I salentini rischiano di andar sotto su un suo rigore, ma Casalino para e Pignataro segna il gol-vittoria pochi minuti più tardi, concretizzando la più crudele delle leggi calcistiche.

La scena del rigore, Casalino ipnotizza Mignogna.

Il sentimento prevalente dopo l’occasione sprecata, ovviamente, è stato quello della rabbia. Eppure, una crescita psicologica non indifferente ha accomunato il centrocampista tarantino e la tifoseria biancorossa, che ne ha colto lo scoramento nello stato d’animo e ha cominciato a sostenerlo a gran voce sia negli attimi successivi al penalty, sia a fine partita, con l’intera squadra sotto la tribuna del Manzi-Chiapulin.

Mignogna, praticamente in lacrime al fischio finale, si è trascinato a fatica dopo i suoi compagni di squadra, nel consueto confronto con la Curva Nord. Tanti applausi d’incoraggiamento, in un abbraccio che riassume alla perfezione il momento di difficoltà del Barletta dopo le aspettative di inizio stagione. La risposta del numero 10 è arrivata su Facebook, con un post che fotografa tutto ciò che è successo.

Parole ed emozioni piuttosto lontane dall’idea generica del politically correct, quella del voler archiviare la questione e non pensare alle critiche. Ciò che si cela dietro quanto espresso dal centrocampista biancorosso è una presa di coscienza, sia del singolo che del collettivo: non c’è più il tasso tecnico di inizio anno, non c’è più la pressione di dover necessariamente portare a casa il risultato. C’è la convinzione di dover rendere speciale ogni domenica, a prescindere dagli obiettivi e dalle prospettive di classifica. Anche un giocatore dell’esperienza di Mignogna, che si è trovato in una situazione maledetta al pari di tutti gli altri, è costretto a calarsi nella realtà del quotidiano, la stessa che caratterizzò il Barletta dello scorso anno. E la piazza, col sostegno della squadra, ha subito apprezzato l’umiltà messa in discussione dalla superficialità delle ultime prestazioni. Chissà che non sia l’inizio di un nuovo capitolo della sua esperienza con questa maglia.

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Titolo

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse