Amarcord, Menicozzo: “Innamorato del Barletta dai tempi dell’Alghero” L'indimenticabile mediano biancorosso, protagonista dal 2009 al 2012, si racconta

Amarcord, Menicozzo: “Innamorato del Barletta dai tempi dell’Alghero” <small class="subtitle">L'indimenticabile mediano biancorosso, protagonista dal 2009 al 2012, si racconta</small>

Una vera e propria bandiera della storia recente del Barletta, Michele Menicozzo, protagonista dal 2009 al 2012 in maglia biancorossa. Il mediano di San Giovanni Rotondo, oggi in forza al San Severo, ricorda con grande emozione la sua esperienza triennale nella Città della Disfida.

“L’esperienza di Barletta? Ogni volta che parlo-esordisce l’ex numero 4-e penso alla realtà biancorossa, mi brillano gli occhi: è stata semplicemente l’esperienza più bella della mia carriera. Sono arrivato sì in una squadra allestita all’ultimo momento, ma è stata una scelta voluta a tutti i costi. Ricordo che venivo da una grande stagione a Pavia in C2, che puntava su di me, ma ero innamorato del pubblico di Barletta da due anni, precisamente da quando giocavo nell’Alghero, ed avevo affrontato i biancorossi in Serie D in un Puttilli gremito. Da allora avevo pensato che sarebbe stato bello giocare per quella maglia e, quando è arrivata la chiamata dell’ex d.s. Geria, ho subito accettato”.

PROMO mini

Il primo anno è stato indimenticabile: quinto posto in Lega Pro Seconda Divisione e meritato ripescaggio in Prima Divisione con una squadra allestita all’ultimo momento, dopo aver rischiato in estate di non iscriversi. “Il primo anno è stato di sicuro il più bello: abbiamo raggiunto i playoff e poi siamo stati ripescati in Lega Pro Prima Divisione. Credo che quella sia stata un’annata che, secondo me, i tifosi non possono dimenticarsi. Eravamo una squadra di ragazzini con poche aspettative all’inizio del campionato, guidata da un grande allenatore come Sciannimanico, ma che ha impressionato in tutte le partite, vendendo cara la pelle con tutte le squadre e raggiungendo quell’obiettivo che mai nessuno si sarebbe potuto immaginare”.

menicozzo

 

Seconda stagione da consacrazione per Michele Menicozzo, ma fortemente condizionata da un brutto infortunio. “Il secondo anno per me è stato importantissimo. Ero cresciuto molto calcisticamente e avevo appreso al meglio le mie qualità. Non posso dimenticare quando il mister mi ha dato la fascia da capitano a soli 23 anni, ma anche quando l’ex presidente aveva comunicato al mio procuratore che alcune squadre di Serie B avevano chiesto di me. Mi avrebbe dato questa opportunità, però poi un brutto infortunio prima della sosta natalizia ha impedito che le trattative andassero in porto. Peccato, ma alla fine sono rimasto volentieri a Barletta“.

Un pizzico di rammarico per l’annata 2011/2012, quella in cui i biancorossi hanno sfiorato l’accesso ai playoff per la Serie B. “Nel mio terzo anno, il presidente Tatò aveva allestito una squadra veramente impressionante. C’erano due elementi per ogni ruolo, entrambi dello stesso valore calcistico, ma credo che alla fine i tanti nomi, sulla carta di primissimo livello, non abbiano permesso di creare un gruppo compatto. Forse perché molti giocatori erano appagati dal contratto che avevano firmato: sicuramente non c’era spirito di squadra e attaccamento alla maglia. Altrimenti avremmo vinto il campionato dopo il girone d’andata”.

 

menicozzo

Uno scatto di Menicozzo con la fascia da capitano.

Tre stagioni con tanti ricordi, ma Michele ne trattiene particolarmente uno. “L’episodio che a me piace ricordare e, credetemi, non mi è mai più successa una cosa del genere, è il derby di Brindisi nella stagione 2009/2010. Pareggio al 95′ e corsa sotto la curva ospite, gremita in ogni ordine di posto, dai tifosi biancorossi. In quel momento si è capito quanto quella squadra sia stata attaccata ai tifosi e alla città“.

Un pensiero anche per l’attualità. “Vedere il Barletta in Eccellenza e senza stadio fa male e dispiace. Il calore e la passione che regala questa città non può passare. Rimarrà sempre ed è giusto che una piazza come Barletta ritorni a riprendersi quello che merita. Un saluto a tutti i tifosi e gli amici barlettani e un grosso in bocca al lupo alla squadra per il prosieguo della stagione“. Parola di Michele Menicozzo.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini