Barletta 1922, vado al Massimo: via al Pizzulli-bis Il secondo ciclo del tecnico dopo La Cava e Bitetto. Altro successo o le prime difficoltà?

Barletta 1922, vado al Massimo: via al Pizzulli-bis <small class="subtitle">Il secondo ciclo del tecnico dopo La Cava e Bitetto. Altro successo o le prime difficoltà?</small>

Tutto si è interrotto ad Altamura, in quella domenica di inizio maggio che ha spento le speranze del Barletta nella finale playoff. Da un pomeriggio con più polemiche che bilanci ampiamente positivi, l’unica certezza che sembrava emergere era quella legata ad un nome: Massimo Pizzulli. Invece, il tecnico dello scorso anno non è stato riconfermato, per far posto prima a La Cava, esonerato ad un passo dall’esordio ufficiale, poi a Bitetto, che ha raccolto le preoccupazioni estive nonostante i proclami e le ha messe in mostra in dodici match ufficiali senza grosse dimostrazioni di superiorità a tutto campo. Adesso, dopo una vittoria col traghettatore Curci e dopo quasi una settimana con la panchina vacante, è il momento di ripartire proprio da quella domenica di maggio, con lo stesso obiettivo e con qualche modifica dell’organico.

PROMO mini
Pizzulli dovrà ricompattare una squadra sfiduciata dall'inizio in salita.

Pizzulli dovrà ricompattare la squadra.

VERDETTO UNANIMEPizzulli torna in biancorosso dopo sei mesi ed una settimana. Sembrerebbe che il tempo gli abbia dato ragione: un’estate passata a rincorrersi tra voci di riconferma e nemmeno troppo celati allontanamenti tra le parti, per poi scegliere due tecnici in due mesi senza alcun risultato conforme alle ambizioni di inizio anno. Il suo ritorno a Barletta, perciò, suona quasi come un assillante “te l’avevo detto” nei confronti di chi l’ha scaricato forse troppo in fretta. D’altra parte, l’arrivo a campionato in corso gli permette di porre le sacrosante condizioni affinché il suo lavoro non risulti ostacolato come quello di Bitetto, che ha trovato in De Santis una figura di riferimento per giustificare, ma solo in parte, i problemi che sarebbero comunque emersi dopo il breve periodo di La Cava. Con il suo ritorno, si dovrebbe porre fine ad un ciclo di sfiducia e scetticismo nei confronti dello staff tecnico: Pizzulli è il nome che mette d’accordo piazza e società.

Il nuovo spogliatoio seguirà il vecchio mister?

Il nuovo spogliatoio seguirà il vecchio mister?

I RISCHI – È necessario, però, che metta d’accordo anche i giocatori. Uno spogliatoio che finora ha visto poche luci e tante ombre, sul piano caratteriale più che su quello tecnico, dovrà uniformarsi alle scelte e all’idea del nuovo allenatore, dimenticando i presupposti delle gerarchie e tenendo d’occhio soltanto l’obiettivo di fine campionato. Questa, infatti, è la chiave di lettura da scongiurare immediatamente: l’anno scorso, Pizzulli ha preso in mano una squadra che puntava alla salvezza e l’ha portata ai playoff, perdendo il secondo posto alla penultima trasferta. Quest’anno sarà capace di guidarne una che, distacco annullabile o meno, punta dichiaratamente al salto di categoria? L’auspicio è che l’entusiasmo prevalga sulle difficoltà di questi primi due mesi, ristabilendo nell’ambiente Barletta quella voglia di lottare per i tre punti su qualsiasi campo, quella voglia che è puntualmente scomparsa a Galatina e Novoli e che è emersa soltanto a Terlizzi contro l’UC Bisceglie.

NE VALE LA PENA – Esatto, l’UC Bisceglie. Mai come stavolta, Pizzulli dovrà stringere i tempi. Il titolo non è solo un gioco di parole o una nuova iniezione di fiducia, ma anche una previsione sulla tempistica a disposizione del tecnico: domani si va in campo a Bari per l’andata della semifinale di Coppa, poi ci sarà la trasferta ad Otranto per dare realmente un senso all’accenno di rimonta timidamente mostrato contro il Molfetta. E se in Eccellenza è la testa a fare la differenza più della tattica, Vado al Massimo è qualcosa in più di tutto questo.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini