Amarcord, Faletto e la Cestistica: “A Lucera il momento più bello” Il fuoriclasse argentino, ex Nuova Pallacanestro e Cestistica Barletta, rivive la sua carriera

Amarcord, Faletto e la Cestistica: “A Lucera il momento più bello” <small class="subtitle">Il fuoriclasse argentino, ex Nuova Pallacanestro e Cestistica Barletta, rivive la sua carriera</small>

Probabilmente è lo “straniero” più amato nella storia della pallacanestro barlettana, protagonista prima nella stagione 2004/2005 con la Nuova Pallacanestro Sidis Barletta, poi nella Cestistica Barletta, con cui ha conquistato, nel 2012, un’indimenticabile promozione in Serie C Nazionale. Stiamo parlando di Hernan Faletto, argentino di nascita ma, di fatto, barlettano di adozione:”Ho tantissimi ricordi della città di Barletta-esordisce l’ala albiceleste ai microfoni di BarlettaSport.it-ma voglio trattenerne uno in particolare: la finale playoff di Lucera nel 2012, quando abbiamo festeggiato la promozione in Serie C Nazionale. Per me è stato un momento indimenticabile oltre a tanti che mi legano ancor oggi a questa piazza molto importante per la mia vita. Mi manca molto la città e mi manca molto il calore che Barletta è riuscita a trasmettermi sin dal primo giorno. Chissà, forse un giorno ci farò un salto, magari non da giocatore visto che ho 36 anni, ma da turista”.

Due esperienze nell’arco di sei anni in biancorosso, diverse per le maggiori responsabilità che hanno accompagnato Faletto nella sua seconda avventura: “Vero, ho trovato differenze dalla prima alla seconda volta. Per quanto riguarda la squadra, ho trovato quasi le stesse persone: c’erano Nicola e Gino Degni, Giacomo Colaprice, Sandro Chiandetti, poi mi sono comunque trovato bene con Pino Auricchio, Gianluca Serino, Gianfranco Falcone e tanti altri. Prima di decidere di tornare nel 2011, è stato molto importante aver trovato persone con cui avevo instaurato un ottimo rapporto. So che in quanto “straniero” avevo più responsabilità, ma sono convinto che, nonostante abbia contribuito, la chiave della promozione sia stata il contributo di tutti. Tutti eravamo importanti, tutti sapevamo che cosa fare, quella squadra giocava veramente bene. Mi sono trovato bene davvero con tutti, dal presidente al massaggiatore”.

Betland mini wide

Molto informato anche sull’attualità, Hernan Faletto parla anche della nascita del Barletta Basket che si è affiancata alla Cestistica Barletta. “Questo dualismo non può che farmi piacere: sono due società forti che meritano di avere il loro spazio. Da una parte c’è Gino Degni che ha fatto un gran lavoro sin dal settore giovanile, dall’altra invece c’è Giacomo Colaprice, in una nuova figura dirigenziale, che ha coinvolto diversi miei ex compagni a sposare il suo progetto. Ci sono due società stabili, mi fa piacere che tutti, alla fine, riescano a lavorare bene”.

36 anni, ma ancora tanta voglia di divertirsi e di continuare a giocare a basket. “Attualmente gioco in una squadra a 120 km da casa mia. Ho firmato un contratto biennale, milito in un campionato molto simile alla C regionale. Sono in un ambiente tranquillo che mi permette di giocare e, allo stesso tempo, stare più vicino alla mia famiglia. Una volta finito il contratto valuterò cosa fare, l’importante è rimanere tranquilli e divertirsi. Sono molto felice delle scelte che ho fatto”. Parola di Hernan Faletto.

Bellino Mini Wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Top Boss Betland

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Zerodue Mini Wide
Zerodue Mini Wide
Zerodue Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini