Barletta-Cerignola 3-0, le pagelle Digiorgio migliore in campo, grande impatto di Mignogna

Barletta-Cerignola 3-0, le pagelle <small class="subtitle">Digiorgio migliore in campo, grande impatto di Mignogna</small>

La speranza è che non rimanga un caso isolato e che, con il secondo 3-0 in campionato, i meccanismi comincino realmente a girare senza intoppi. Il Barletta corona una domenica impeccabile con il tris rifilato al Cerignola, in una partita che potrebbe segnare una svolta non solo nella corsa al vertice, ma anche nel rapporto e nella fiducia tra piazza e giocatori. Le pagelle del day-after confermano l’ottima prova di singoli e collettivo, comprese le mosse di Bitetto a partita in corso.

La difesa risponde presente dopo il Vieste.

La difesa risponde presente dopo il Vieste.

Rossetti, voto 6: match con pochi scossoni per il portiere biancorosso, incolpevole sul gol annullato per fuorigioco. Una maggiore sicurezza nelle uscite, complici i cross tutt’altro che pericolosi, ma anche grande concentrazione in una respinta a terra su Colangione con il risultato ancora in bilico.

Bellino Mini Wide

Lisi, voto 6: è più di un’idea, la coppia titolare dei terzini under non dovrebbe essere Donvito-Varola. Buone chiusure e diverse sovrapposizioni sulla sinistra, a tratti con dettami molto scolastici ma comunque efficaci. Per il laterale di difesa, serve proprio questo: non strafare e non agitarsi.

Digiorgio, voto 7: il secondo gol consecutivo dopo quello di Terlizzi arriva in modo molto meno casuale, ma non è l’unica nota positiva di giornata. Gestisce in maniera autoritaria la sua zona di campo, non disdegnando brillanti uscite palla al piede. La sicurezza che serviva.

Ola, voto 6,5: la prestanza atletica ed una vita piuttosto facile nel gioco aereo favoriscono la prestazione del centrale, che si distingue dal compagno di reparto solo per la sua assenza tra i marcatori. Unico neo è una scivolata avventata nel secondo tempo, sulla quale è reattiva la risposta di Rossetti.

Martino, voto 6: stesso discorso del suo opposto. Il terzino destro spinge e si sovrappone con regolarità, anche per il largo spazio lasciato dagli avversari. Ancora da migliorare il lavoro in fase di copertura, così come servirebbe maggiore cattiveria sui cross, cercando di arrivare sul fondo ed evitando traversoni da metà campo.

Nessuna insufficienza in una domenica di sorrisi.

Nessuna insufficienza in una domenica di sorrisi.

Zingrillo, voto 6: Bitetto sceglie la linea già intrapresa a Terlizzi e punta, con successo, ancora sull’incontrista barlettano. Altra prova di sostanza, forse con un pizzico di agonismo in meno rispetto a domenica scorsa, ma anche per una minore densità del gioco dalle sue parti.

Lorusso, voto 6: la sostituzione anticipata non gli impedisce di tornare su livelli più consoni, dopo un paio di settimane sottotono dal punto di vista del ritmo. Un buon avvio, poi il cambio dopo una buona fetta di primo tempo in cui si impegna più delle scorse uscite.

Loiodice, voto 6,5: l’esterno barese è ormai una garanzia, autentico trascinatore e uomo capace di cambiare il passo a tutta la squadra. Il suo spessore tecnico si abbatte sul Cerignola, che non riesce ad arginare le sue folate. Stavolta, però, si fida meno del suo destro a giro e punta a cercare maggiormente i compagni: l’assist per Di Rito è la conferma.

Sguera, voto 6: in una partita che prevedeva una chiave molto più agonistica, l’apporto del fantasista barlettano va scemando nel secondo tempo, quando l’azione passa più raramente dalla sua zona di campo. Nonostante ciò, viene apprezzato per diverse percussioni in contropiede e qualche buona conclusione dal limite.

Pellecchia, voto 6,5: la pennellata per la testa di Digiorgio, così come la punizione a foglia morta che si spegne ad una manciata di centimetri dal palo, è la dimostrazione che si tratta di uno dei migliori mancini della categoria. Gli manca solo il gol, che non arriva per un eccesso di confidenza col pallone e per le parate di Marinaro.

Di Rito, voto 6,5: è suo il gol che chiude la partita, con il Barletta già avanti di un gol ed un uomo. La testa dell’argentino sfiora anche il bis, ma la rete del 2-0 rimedia al “quasi gol” di Terlizzi ed è sufficiente per strappare un altro voto positivo tra freddezza, generosità e tecnica da attaccante vero.

Il Manzi-Chiapulin torna a gioire.

Il Manzi-Chiapulin torna a gioire.

Dentamaro, voto 6: l’ingresso per Lorusso non scombina i piani tattici dei biancorossi e il compito del centrocampista barese ben si sposa con le richieste di Bitetto. Partita di sostanza come quella dei suoi compagni di reparto, non si tira indietro quando è chiamato in causa nei contrasti.

Mignogna, voto 7: con il progressivo recupero della forma, sarà difficile tenerlo ancora in panchina a lungo. Un altro ingresso dal grande impatto per il tuttofare tarantino, che trova anche il primo gol in maglia biancorossa proprio con la percussione che non ha dato la stessa gioia a Pellecchia e Loiodice.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Top Boss Betland

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
Bellino Mini Wide
Zerodue Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bellino Mini Wide