Ruggiero Passero: «Rosa quasi ultimata, vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi» La parola al direttore sportivo del Cristian Barletta

Ruggiero Passero: «Rosa quasi ultimata, vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi» <small class="subtitle">La parola al direttore sportivo del Cristian Barletta</small>

Un lavoro incessante con l’obiettivo di allestire una rosa competitiva che possa affrontare a testa altissima il primo storico campionato di serie A2. Per il direttore sportivo del Cristian Barletta Ruggiero Passero questi sono giorni frenetici, giorni nei quali il telefono è più che rovente tra trattative da concludere e da intavolare. Con il direttore abbiamo fatto il punto della situazione rivolgendo uno sguardo a quella che sarà una stagione senza dubbio dalle mille emozioni.

Conferme importanti, acquisti altrettanto importanti e qualche fisiologico addio. A che punto è la costruzione della rosa 2016-2017 del Cristian Barletta? Ci saranno altri colpi?
«Innanzitutto va detto che siamo soddisfattissimi di quanto fatto fino ad ora sotto tutti i punti di vista. Abbiamo centrato l’A2 in due anni, abbiamo partecipato per due volte alle Final Eight sfiorando una storica doppietta ed abbiamo vinto un campionato da record senza sconfitte. Da questo ripartiamo e questo ci regala un entusiasmo straordinario per andare avanti con la consapevolezza di aver creato una struttura modello per lo sport cittadino ammirata anche a livello nazionale. Partendo da questi concetti e puntando sempre sulla sostenibilità economica abbiamo allestito la squadra. Come sapete abbiamo confermato la stragrande maggioranza del gruppo eccetto due soluzioni in uscita (La Rocca e Cristian Ballestreros) cui abbiamo fatto fronte integrando due grandi giocatori come Nenè (prelevato dal Betis Siviglia) e Filò Tiballi portiere di assoluto valore proveniente dal San Paolo. In entrambi i casi come anche per un giocatore straordinario come Tosta, abbiamo vinto la concorrenza di molti club di serie A1 e A2 grazie alla volontà di giocatori che si sono sentiti attratti dalla serietà del progetto. Chiudo dicendo che continuiamo a guardare il mercato a livello nazionale e che faremo qualche integrazione ad uno staff tecnico che dopo lo straordinario lavoro dello scorso anno è confermatissimo».

PROMO mini
Il Cristian fa festa per la promozione

Il Cristian fa festa per la promozione

Direttore ci descrive i tre volti nuovi del Cristian?
«Partiamo da Tosta che è un centrale difensivo italo-brasiliano di forte personalità, grande dinamismo e grande attitudine anche nell’orchestrare le ripartenze. Ha giocato in nazionale, è un giocatore di assoluta affidabilità e saprà inserirsi. C’è poi Nenè, un laterale spagnolo che ha giocato anche da centrale d’attacco con forte vena realizzativa, grande senso del gol, abituato a giocare ad altissimi livelli. Lo scorso anno è stato davvero grande protagonista in Spagna. Infine Filò, un portiere brasiliano di assoluto valore grande protagonista con la maglia del San Paolo ed abile anche in movimento ed in zona gol. in Italia ha giocato a Vicenza e Teramo».

Rafeal Tosta con la maglia della nazionale italiana

Rafael Tosta con la maglia della nazionale italiana

Tra le novità della prossima stagione ci sarà il rientro in rosa del giovane portiere Gianluca Capuano dopo l’esperienza a Canosa. Possiamo considerarlo il simbolo della politica di valorizzazione dei giovani?
«Assolutamente sì. La nostra filosofia è consolidare un gruppo di ragazzi con senso di appartenenza altissimo. Gianluca è un esempio ma poi ci sono Walter Divincenzo o Ignazio Lamacchia ragazzi cresciuti con noi e pronti a farlo ancora di più carpendo i consigli dei nostri big, italiani e stranieri».
Nel corso di questi anni, qual è stata la trattativa più difficile da lei condotta?
«Devo dire che in questi ultimi anni abbiamo concluso praticamente tutte le trattative in maniera rapida grazie alla serietà del nostro progetto che di sicuro ha attirato i giocatori. Volendo individuare delle trattative che mi hanno regalato gioia non posso che pensare alla riconferma del nucleo storico per la prossima serie A2 e vi faccio due nomi: Luciano Capacchione e Garrote, i due simboli del nuovo corso del Cristian Barletta».

Bomber Garrote è pronto alla sua terza stagione in biancorosso

Bomber Garrote è pronto alla sua terza stagione in biancorosso

Alla luce della rosa allestita, quale può essere l’obiettivo di questo Cristian?
«Siamo consapevoli di andare ad affrontare un campionato competitivo e livellato. Ci saranno tanti giocatori scesi dalla serie A1 e sarà davvero un bel vedere a livello tecnico. Noi dal canto nostro dobbiamo a tutti i costi mantenere la categoria per poi continuare la nostra crescita graduale. Ovviamente al netto di questo, sognare non è proibito, abbiamo fatto un ottimo lavoro pensando a colmare alcune lacune che avevamo individuato anche in una stagione trionfale come quella scorsa. Il nostro lavoro non si è mai fermato e prosegue con entusiasmo immutato».

Si sente di lanciare un messaggio ai tifosi?
«Oggi Barletta è una delle piazze migliori sotto il profilo dell’entusiasmo. I risultati dello scorso anno hanno avvicinato davvero tanta gente ed a 3 mesi dall’inizio del campionato noto un crescente interesse e tanta voglia da parte di molti tifosi di avere notizie su quella che sarà la prossima stagione. Tutto ciò ci rende orgogliosi e mi sento di dire che faremo di tutto per rendere ancora una volta i tifosi felici e fieri di noi».

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini