Barletta 1922, con De Santis già lavori in corso La scelta dell'allenatore prima di tutto, poi le prime idee sulla rosa

Barletta 1922, con De Santis già lavori in corso <small class="subtitle">La scelta dell'allenatore prima di tutto, poi le prime idee sulla rosa</small>

Poiché la domanda di ripescaggio in Serie D verrà presentata senza un particolare ottimismo, le mire di metà giugno si indirizzano principalmente verso la costruzione di una squadra in grado di poter competere ai piani alti dell’Eccellenza. Con l’ufficializzazione di Vincenzo De Santis nel ruolo di direttore sportivo, il Barletta 1922 può ufficialmente aprire la caccia alle mansioni tecniche, partendo dalla panchina e arrivando alla rosa che indosserà la casacca biancorossa nella stagione 2016/2017.

Massimo Pizzulli non sarà più sulla panchina del Barletta?

Massimo Pizzulli non sarà più sulla panchina del Barletta?

TOTO-ALLENATORE, SI COMINCIA – Ovviamente, le fondamenta tecniche del Barletta che verrà passano dalla scelta del nuovo tecnico. Il nuovo corso dirigenziale intrapreso con l’arrivo di De Santis non vuol dire necessariamente far terra bruciata e dimenticare quanto di buono è stato fatto nella stagione conclusa un mese e mezzo fa, ma significa assegnare a tutti i candidati la stessa postazione di partenza. La riconferma di Pizzulli, quindi, non è ancora un’ipotesi da scartare, anche se i nomi che rappresentano la sua concorrenza possono dirsi ricchi di credenziali. Di Leo e De Candia, insieme a Ragno, sono quelli maggiormente chiacchierati nel weekend, ma le riserve potrebbero sciogliersi già nella giornata di oggi, quando termineranno i sondaggi societari circa il ventaglio di ipotesi a disposizione. Con tutta probabilità, entro questa settimana avverrà l’ufficializzazione del tecnico, che verrà presentato insieme a De Santis, ormai insediatosi da diversi giorni.

PROMO mini

AGIRE SUL MERCATO – La parte più difficile del lavoro, in realtà, sarà quella di creare una squadra da altissima Eccellenza con elementi potenzialmente incisivi anche e soprattutto in Serie D. Orientandosi nella direzione di una seconda stagione nel massimo campionato regionale, il Barletta non potrà offrire l’appeal della categoria superiore ma, come detto anche dallo stesso ds al momento del suo arrivo, “è una piazza alla quale non si può dire di no“. A questo punto, quindi, la possibilità di ambire a giocatori di tale rango è certamente concreta, posto il possibile gioco al rialzo in caso di trattative con più società in ballo. Diversi sono i calciatori di nome che la piazza biancorossa ha avuto modo di conoscere per vie traverse negli ultimi mesi, sono tra le pedine da tenere in considerazione, così come la scelta degli under si rivelerà fondamentale: ce ne sarà uno tra i pali, in modo da poter contare su maggiore esperienza in mezzo al campo, augurandosi di indovinare la scelta. Mentre il Cerignola neopromosso ha già cominciato a muoversi in quest’ottica, è il momento che anche le squadre più blasonate scendano in campo per far sentire la propria voce.

La settimana appena cominciata, dunque, potrebbe essere già fondamentale per quel che riguarda le scelte tecniche basilari. Le riserve sull’allenatore andranno sciolte nelle prossime ore, mentre l’idea dei primi arrivi in rosa potrebbe iniziare a prendere piede subito dopo l’ufficializzazione della guida tecnica. Dopo tanti appelli alla velocizzazione dei programmi futuri, per il Barletta è davvero il momento di aprire il gas per arrivare davanti a tutte le rivali.

PROMO mini
PROMO mini