Barletta 1922, su il sipario sulla prossima stagione Il nuovo presidente Sabino Falco: "Onorato di questa carica, per me è un'emozione unica"

Barletta 1922, su il sipario sulla prossima stagione <small class="subtitle">Il nuovo presidente Sabino Falco: "Onorato di questa carica, per me è un'emozione unica"</small>

Tempo di presentazioni in casa Barletta 1922. Dopo la nomina di Sergio La Cava come allenatore e quella del direttore sportivo Vincenzo De Santis, il sodalizio di Via Cavour ha ufficializzato le altre cariche dell’organigramma societario. “E’ molto emozionante essere qui nella mia città e ricoprire questa carica– ha ammesso il nuovo presidente Sabino Falco-, cercheremo di dare il massimo. Vorrei fare un appello a tutta la tifoseria: vi voglio numerosi, caldi, ma soprattutto in massa allo stadio”.

PROMO mini

Proprio la situazione intorno allo stadio resta un rebus ancora da risolvere. La richiesta generale è quella di un seguito adeguato, attraverso la concretezza e la messa in moto di un meccanismo celere ed efficace per tornare a disputare le gare interne a Barletta. A tal proposito, l’assessore allo sport Vincenza Dimaggio ha provato a chiarire la questione intorno al “Manzi Chiapilin”: “Per il Puttilli ci vorrà un po’ di tempo, stiamo lavorando sull’altro impianto cittadino. Mi rendo conto delle necessità non solo della società, ma anche dei tifosi del Barletta, che hanno dovuto sobbarcarsi costantemente le trasferte al San Sabino di Canosa. Il problema del Puttilli andrà risolto nei prossimi mesi, mentre ci impegneremo per consegnare il Manzi Chiapulin”.

Dalla stanza dei bottoni al campo, Vincenzo De Santis ha garantito il massimo impegno e conta di costruire una squadra in linea con le ambizioni della società, ma occhio sempre al bilancio: “Le cose semplici non mi piacciono, ecco perché ho accettato Barletta. Ci sono i presupposti per far bene qui, tutte le componenti stanno lavorando affinché la squadre torni a giocare dove merita. Spero di dare il massimo come ho sempre fatto”.

Uno staff tecnico definito, che vedrà Sergio La Cava raccogliere il testimone lasciato da Massimo Pizzulli. “Molti miei colleghi – ha assicurato il tecnico campano – in questo momento mi stanno invidiando, per me sedere sulla panchina del Barletta è un grande onore. Vengo da una stagione non proprio positiva e anche io, come la città, ho voglia di riscatto. Quest’anno incontreremo squadre che lotteranno fino alla morte per batterci, dobbiamo farci trovare pronti”. Tutto pronto, dunque, all’ombra di Eraclio: la piazza vuole tornare ad essere protagonista.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini