Michele Di Paola: “La delusione è smaltita, guardiamo avanti” Il presidente biancorosso tra bilanci e prospettive future

Michele Di Paola: “La delusione è smaltita, guardiamo avanti” <small class="subtitle">Il presidente biancorosso tra bilanci e prospettive future</small>

Sono passati ormai 4 giorni dal pomeriggio del “D’Angelo” di Altamura, 4 giorni dal match che ha sancito l’elminazione del Barletta 1922 dai play-off. La delusione, certamente, è stata cocente per tutto l’ambiente biancorosso che sperava di concedere il bis dopo l’impresa di Casarano e di accedere alle fasi finali, ma lentamente le scorie provocate dalla sconfitta stanno svanendo ed il futuro comincia a diventare l’argomento di più stretta attualità. Del futuro, ma anche di quello che è stata la stagione biancorossa abbiamo parlato con il presidente Michele Di Paola che non poteva che cominciare la sua disamina dal pomeriggio di Altamura: “Certo, non posso negare che la delusione c’è stata ma ormai è smaltita. Siamo già proiettati oltre, personalmente sto già pensando alla prossima stagione, sono state sufficienti 24 ore per guardare avanti, è inutile piangersi addosso. Del resto i bei ricordi di questa stagione sono ben vivi nella mia memoria e mi danno la carica per andare avanti”.

La delusione di Francesco Cantatore al termine della finale di Altamura

La delusione di Francesco Cantatore al termine della finale di Altamura

A proposito della stagione conclusasi domenica, il presidente ha le idee chiare e pochi rimpianti: “Non ho davvero rimpianti per l’epilogo di questa stagione. È stato fatto tutto il massimo per portare la squadra nel punto più alto possibile. Certo, se avessimo vinto a Faggiano forse le cose sarebbero cambiate ma è inutile rimuginare. Anche sul mercato, abbiamo fatto il possibile in pochissimi giorni prendendo pezzi da 90 come Lodiodice, Mosceli e Lacarra. È vero, abbiamo perso Ladogana che probabilmente ci sarebbe stato utile, ma il Gravina è stato bravo ad inserirsi nella nostra situazione di transizione ed a convincere il ragazzo prospettandogli una situazione sportiva in quel momento più stabile”.

PROMO mini
Nicola Loiodice, uno dei pezzi da 90 del mercato invernale

Nicola Loiodice, uno dei pezzi da 90 del mercato invernale

Rimpianti per ciò che è stato dunque il n. 1 di via Cavour non li ha e per il futuro  le idee sono chiare e ben precise: “Perchè il Barletta calcio abbia un futuro, devono verificarsi condizioni ben precise e molto chiare. La prima condizione è ovviamente la possibilità di tornare a giocare nella nostra città. Per i primi giorni della prossima settimana attendiamo risposte circa la possibilità di utilizzare il “Manzi-Chiapulin” per l’inizio della prossima stagione, con la prospettiva poi di tornare al “Puttilli”, che si badi bene, è la nostra unica casa. Il Manzi è un’ottima seconda struttura ma non può essere la nostra casa. Ovviamente la possibilità di tornare a Barletta può essere da incentivo per tutti gli imprenditori che lo scorso anno, magari intimoriti dalle macerie lasciate dalla gestione Perpignano non hanno avuto la volontà di avvicinarsi al Barletta e che invece potrebbero scoprire un mondo affascinante capace di dare anche tante soddisfazioni. L’insieme di queste componenti può garantire un futuro alla nostra società e può proiettare il Barletta verso le categorie che merita”.

Stadio Puttilli, la priorità per il futuro del calcio barlettano

Stadio Puttilli, la priorità per il futuro del calcio barlettano

Negli ultimi giorni si fa anche un gran parlare dell’ipotesi ripescaggio, ed anche in questo senso il presidente ha ben presente la situazione: “Ogni ipotesi di ripescaggio è direttamente consequenziale alla realizzazione delle condizioni che ho appena esposto. In ogni caso ora è prematuro parlare di questo, concentriamoci sulla più stretta attualità e poi, se si creeranno le condizioni ci faremo trovare pronti”.

La chiusura è dedicata ai ringraziamenti: “Colgo l’occasione per ringraziare da parte dell’intera società tutti i tifosi, gli addetti ai lavori e tutti coloro che ci sono stati vicini in questi mesi. Il rapporto con la gente, i sorrisi, gli incitamenti ed i ringraziamenti ricevuti anche se non si è vinto sono gesti che mi hanno gratificato più di ogni altra cosa oltre ad avermi fatto crescere come uomo”.

Bellino Mini Wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Isolaverde Post

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
Bellino Mini Wide
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bellino Mini Wide