Mimmo Celi: “Ambizione ed autocritica le chiavi del successo” L'arbitro di CAN A ospite della sezione AIA Barletta

Mimmo Celi: “Ambizione ed autocritica le chiavi del successo” <small class="subtitle">L'arbitro di CAN A ospite della sezione AIA Barletta</small>
Continua il percorso formativo degli arbitri barlettani mediante riunioni plenarie dall’alto spessore tecnico: ad esercitare le funzioni di relatore, lo scorso 4 Aprile, è stato l’arbitro CAN A Mimmo Celi. Accolto con grande entusiasmo dagli oltre duecento associati barlettani, Celi sin da subito ha detto di sentire stretto il ruolo di ‘ospite’, in virtù del rapporto di amicizia che lo lega a molti colleghi barlettani, ad iniziare dall’internazionale Antonio Damato e dal componente del Comitato Nazionale Maurizio Gialluisi, entrambi presenti in platea. E proprio partendo dal legame affettivo che vincola Barletta all’arbitro barese, il presidente di sezione Savino Filannino ha introdotto Celi, esaltandone la grande capacità di esercitare un certo ascendente sui propri interlocutori, siano essi dentro o fuori il terreno di gioco. Nel suo lungo intervento, Celi è partito col raccontare i primi passi della sua carriera arbitrale, ricordando l’entusiasmo che riuscì ad imprimergli l’allora presidente di sezione Mattia Lepore Signorile: “Come tutti -afferma- non ho iniziato con una reale passione, ma per ottenere un rimborso spese. Però, mi è bastata una gara per riscoprire in me una grande ambizione“. Sull’ambizione e su una corretta gestione della stessa Celi si è soffermato a lungo, sottolineando come debba essere sempre bilanciata da una forte capacità di autocritica. E proprio facendo leva sulla sua capacità di autocritica e di mettersi in gioco, Celi ha sottoposto alla platea diversi filmati contenenti spezzoni di sue gare in cui sono emerse situazioni di condotta gravemente sleale, grave fallo di gioco e fuorigioco. Su ogni filmato si è a lungo discusso, coinvolgendo in modo particolare gli arbitri più giovani che, dando la loro visione dell’episodio, hanno contribuito a creare un vivo ed edificante dibattito. Celi, poi, non si è limitato ad indicare il provvedimento tecnico e disciplinare più idoneo, ma ha allargato il discorso rendendo noto il procedimento decisionale della sestina e, soprattutto, la gestione dell’eventuale errore nel prosieguo della gara. Estremamente soddsifatto per l’alta portata tecnica ed associativa della riunione, il presidente di sezione Savino Filannino, dopo aver omaggiato Celi con un dono ed una targa celebrativa, ha congedato i presenti: “Sono certo -afferma- che serate come questa concorrano in modo sostanziale alla crescita di ogni arbitro, a prescindere dal ruolo e la categoria di appartenenza”.
Betland mini wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Betland mini wide
Betland mini wide
Zerodue Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini