Barletta 1922, testa e gambe a casa dell’Hellas Biancorossi a Faggiano per affrontare i tarantini e mantenere il secondo posto

Barletta 1922, testa e gambe a casa dell’Hellas <small class="subtitle">Biancorossi a Faggiano per affrontare i tarantini e mantenere il secondo posto</small>

Come se non fosse già abbastanza complicata, mancherà anche il sostegno del pubblico. Nella trasferta di Faggiano contro l’Hellas Taranto, il Barletta dovrà cavarsela esclusivamente con le sue forze, com’è già successo nei due match a porte chiuse di Terlizzi. La posta in palio, tra secondo posto e zona playout, è altissima: biancorossi col favore del pronostico, ormai prossimi a completare un intero girone da imbattuti, ma le insidie sono dietro l’angolo.

PROMO mini

A Faggiano a porte chiuse per “ragioni di sicurezza”. Ecco la nota della Prefettura di Taranto.

Pubblicato da BarlettaSport.it su Venerdì 1 aprile 2016

La prima di tre battaglie – È il primo scoglio dopo Pasqua, ma soprattutto dopo l’infuocato scontro diretto con l’Altamura. I murgiani distano ancora due punti, ma il loro calendario è ben più abbordabile e metterà pressione alla squadra di Pizzulli, sostituito in panchina da Papagni fino al termine della regular season. Mentre il Gravina si prepara a festeggiare la matematica promozione in Serie D, alle spalle non si molla un attimo: anche il Casarano punta a rientrare nel discorso della seconda piazza, ma il destino è ancora nelle mani di Moscelli e compagni.

Zingrillo a rischio, riuscirà a recuperare?

Zingrillo a rischio, riuscirà a recuperare?

Zingrillo salta la rifinitura – Il match del tarantino riserverà diverse incognite al Barletta, non solo per quanto riguarda l’ormai noto spirito battagliero degli avversari. Mentre in difesa rientrerà Dipinto, ci sarà da rinunciare a Montrone: la coppia centrale sarà quindi composta da Rizzi e Monopoli, con quest’ultimo tenuto a riposo precauzionale nella partitella di Corato. Apprensione anche per il centrocampo, che vede il febbricitante Zingrillo assente anche durante la rifinitura: si proverà a recuperarlo in extremis. La batteria d’attacco, invece, è pronta per giocarsi le solite quattro maglie nel 4-2-3-1 di partenza.

Pubblico assente – Su un campo che si preannuncia teatro di battaglia, il Barletta dovrà rinunciare al supporto in trasferta. Il Prefetto di Taranto, infatti, ha vietato la presenza di pubblico per via dell’alto tasso di rischio che caratterizza il match, ma soprattutto per le intemperanze dei tifosi durante la sfida con l’Altamura. Motivazioni necessarie da parte delle autorità, ma non per questo indiscutibili, considerando il polverone anti-biancorosso sollevato prima di Pasqua e la concessione di 180 posti ai tifosi del Gravina in occasione della stessa trasferta a Faggiano.

A prescindere da ciò che ha fatto da contorno al postpartita, gli uomini di Pizzulli non possono permettersi di lasciare punti per strada. Servono obbligatoriamente tre successi nelle ultime tre partite di campionato, in modo da conservare il secondo posto e saltare di diritto un turno playoff, approdando direttamente in finale. La missione Hellas Taranto parte domani alle 16:00.

Conosciamo meglio l’Hellas Taranto attraverso qualche numero interessante

Pubblicato da BarlettaSport.it su Venerdì 1 aprile 2016

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini