Barletta 1922, Pizzulli indica la via per il 2016: “Sacrifici e sudore per questa maglia” Parla l'allenatore biancorosso, a tre giorni dal ritorno in campo

Barletta 1922, Pizzulli indica la via per il 2016: “Sacrifici e sudore per questa maglia” <small class="subtitle">Parla l'allenatore biancorosso, a tre giorni dal ritorno in campo</small>

Un lungo e tumultuoso 2015 è alle spalle: la seconda parte dell’anno appena salutato è stata quella maggiormente piacevole, da ricordare e vivere. Ma a metà dell’opera si possono solo trarre bilanci parziali, bozze di una stagione che dal 6 gennaio ad aprile (o come molti sperano, maggio) dirà tanto sul futuro del Barletta 1922. Zingrillo e compagni hanno vissuto due giorni di riposo a cavallo di Capodanno, e si preparano a tornare in campo nel torneo di Eccellenza Pugliese. Una sosta valutata positivamente da mister Massimo Pizzulli ai microfoni di BarlettaSport.it: “Avevamo sicuramente bisogno di rifiatare un po’:  non dimentichiamoci che in estate abbiamo vissuto una preparazione a ritmi forzatamente accelerati, in 20 giorni avevamo bisogno di essere in forma partita. Questo alla lunga lo paghi e abbiamo chiuso l’anno sul campo in lieve affanno, pur non mancando nei risultati. A questo occorre sommare anche il calciomercato di dicembre, che ha portato in dote nomi nuovi e la necessità di riallineare la condizione fisica di tutto il gruppo: c’era chi veniva da piccole noie muscolari e chi, come Loiodice, si allenava in autogestione in una realtà come Molfetta. La qualità dei singoli non si discute, ma il richiamino di preparazione che abbiamo sostenuto servirà a darci la giusta forma per vivere una seconda parte di stagione che si preannuncia intensa quanto decisiva”.

Si tornerà a giocare con punti in palio nella giornata dell’Epifania alle 14.30 contro l’Unione Calcio Biceglie sul terreno di gioco del “Ventura” per la giornata numero 19 del campionato di Eccellenza Pugliese-dove il Barletta è quarto a quota 30 punti-, mentre il 10 gennaio al “San Sabino” di Canosa arriverà il Molfetta. Formazioni staccate di quattro lunghezze verso il basso dal gruppo allenato da Pizzulli, che rappresenteranno banchi di prova importanti per capire limiti e ambizioni del club. “Saranno due sfide intriganti-le definisce l’allenatore biancorosso-contro avversari da non sottovalutare e che sin qui hanno confermato di meritare la posizione che occupano: giocare due partite a distanza di quattro giorni non deve essere un problema, per il semplice motivo che toccherà a tutte le formazioni del girone e che tutti avranno a che fare con gli stessi problemi di tenuta atletica. E’ ovvio che per noi sarà fondamentale sbagliare quanto meno possibile e avviare il 2016 con il piede giusto: sembrerò retorico, ma ci attendono 16 finali. Mente e gambe sono pronte”.

Barletta vs. Vigor Trani (57)

Vivo nell’aria resta anche il calciomercato. A centrocampo per due caselle oggi il Barletta dispone di quattro pedine: la corsa di Fabiano e Zingrillo, le geometrie di Cantatore, la gioventù di Lacerenza, sin qui mai chiamato in causa. In entrata resta però vivo il nome di Michele Lanzillotta, 31enne barese fresco di svincolo dal Nardò (serie D). Pizzulli fa pretattica su tema: “Un’alternativa a Cantatore sarebbe utile, ma anche Fabiano e Zingrillo sono cresciuti molto in fase di impostazione. Lanzillotta non lo scopro io, ha un curriculum che parla per sé: di certo è un nome che si era già fatto a inizio dicembre, poi si è svincolato: nel 4-2-3-1 si sposerebbe bene con calciatori di quantità. Stiamo valutando questa situazione: già da inizio dicembre speravamo di arrivare su atleti capaci di fare i mediani e gli esterni, come Logrieco. Lanzillotta è un calciatore di qualità, ma al momento staremmo bene anche se non dovessero concretizzarsi arrivi in quel settore. Il profilo che cerchiamo è quello di un calciatore che abbini qualità e intensità: con questo tipo di mercato è chiaro che ci siamo leggermente sbilanciati in avanti. Giocare con il 4-3-3 significherebbe rinunciare a un elemento offensivo in avanti e non sarebbe facile. Sguera, Moscelli, Rizzo, Loiodice sono calciatori che vanno fatti giocare. Per questo dovremmo valutare un uomo che sia propedeutico alla nostra causa tattica”.

Barletta 1922 vs. Atletico Vieste (204)

Inizio d’anno, tempo di promesse e obiettivi da tracciare: “Quello che ho detto a inizio stagione, quando abbiamo avviato la nostra Disfida di Barletta: noi abbiamo il compito di uscire dal campo cotti, distrutti-rincara la dose Pizzulli-Promettiamo questo ed è chiaro che siamo contentissimi di aver ridato entusiasmo a una città depressa dal punto di vista calcistico. Il vero miracolo ora sarebbe giocarcela fino in fondo, anche negli spareggi promozione. Considerando come eravamo partiti, sarebbe un bel traguardo per tutti per ricambiare il grande sostegno che i nostri tifosi non ci hanno mai fatto mancare sin dall’inizio di questa stagione”.

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Titolo

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse