Barletta 1922, cosa vuoi fare da grande? Sconfitta a Bitonto, ko anche Gravina e Vieste. Playoff unico obiettivo possibile?

Barletta 1922, cosa vuoi fare da grande? <small class="subtitle">Sconfitta a Bitonto, ko anche Gravina e Vieste. Playoff unico obiettivo possibile?</small>

Giocare conoscendo il risultato delle dirette concorrenti, nella maggior parte dei casi, è un vantaggio psicologico. Soprattutto quando gli esiti degli altri campi sono favorevoli. La troppa foga del Barletta 1922, però, si è trasformata in una domenica inconcludente sul difficile campo di Bitonto, con i neroverdi che hanno trovato la vittoria per 1-0 con un calcio di punizione di Tedesco. Nonostante i quattro volti nuovi in campo, non si è visto quel quid in più grazie al quale i biancorossi dovrebbero giocare, anche nelle prossime uscite, solo ed esclusivamente per i tre punti. A questo punto, diventa lecito chiedersi quale sia la reale dimensione della squadra.

Nuovi acquisti, flop all'esordio

Nuovi acquisti, flop all’esordio

Ko senza amalgama – Sia chiaro, non si tratta né di un allarme né di una netta inversione di tendenza. L’avviso ai naviganti è però emerso dalla trasferta del Città degli Ulivi, dove i ragazzi di Pizzulli hanno mostrato difficoltà tattiche e caratteriali. La gestione delle new entries con il gruppo già presente non è andata come previsto, a prescindere dal rigore sbagliato da Lacarra: il nervosismo di Moscelli, continuamente beccato dal pubblico di casa, e Sguera, entrato a partita in corso come se avesse dovuto sobbarcarsi tutte le responsabilità, hanno reso la vita facile ad un Bitonto non trascendentale. Senza strafare, i baresi tengono bene il campo anche grazie alle incomprensioni in zona offensiva, con gli attaccanti biancorossi che si pestano i piedi ai sedici metri. Chiari segnali di un feeling ancora da trovare, ma il tempo a disposizione non è poi tantissimo, considerando i nove punti dalla vetta.

Vieste e Novoli per dare un segnale – Se il Barletta vorrà davvero tentare l’assalto al primo posto, non potrà commettere ulteriori passi falsi a breve termine. Il distacco dal Gravina è già considerevole e, vista la ritrovata concorrenza di Casarano e Altamura, è difficile che possa profilarsi una lotta a due. Bisognerà guardarsi intorno e confrontarsi con tutte le rivali, Vieste compreso: i garganici sono i prossimi avversari e al San Sabino servirà una prestazione ben diversa per portarsi a -1 dalla seconda della classe. Dopo appena tre giorni, poi, toccherà al secondo match casalingo consecutivo contro il Novoli. Sei punti in due partite sarebbero il giusto viatico, ma perdere altro terreno metterebbe i biancorossi davanti alla scelta tra primato e playoff, con una maggiore propensione per la seconda opzione.

Ai microfoni di Amica9 Tv, il commento dell’allenatore dell’ASD Barletta 1922 Massimo Pizzulli dopo il ko di #Bitonto: “…

Posted by BarlettaSport.it on Domenica 13 dicembre 2015

Ultimi ritocchi? – Ci si augura che la spesa per i sei acquisti della scorsa settimana, già tra pochi giorni, possa risultare adeguata. Gli ultimi giorni di mercato potrebbero dare ulteriori indicazioni circa eventuali movimenti, sia in entrata che in uscita. Il nome di Federico Comini circola da diverso tempo e potrebbe essere l’ingaggio dell’ultima ora in casa biancorossa, con l’auspicio che possa risultare utile alla causa. Ci saranno novità prima dei due incontri casalinghi prima di Natale? L’importante, in questo caso, è che si preservi la bontà dello spogliatoio, alla quale è naturalmente subordinato qualsiasi obiettivo stagionale.

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse