Giuseppe Sguera: “Spingiamo tutti uniti per la rinascita, questo Barletta 1922 può guardare in alto” Intervista all'attaccante biancorosso, tra i trascinatori del gruppo in questa prima parte di stagione

Giuseppe Sguera: “Spingiamo tutti uniti per la rinascita, questo Barletta 1922 può guardare in alto” <small class="subtitle">Intervista all'attaccante biancorosso, tra i trascinatori del gruppo in questa prima parte di stagione</small>

Ex enfant prodige del calcio giovanile nazionale, vincitore della Coppa Italia Allievi Nazionali con la Fidelis Andria e passato anche per il vivaio della Juventus, oggi innamorato pazzo del suo Barletta: è il ritratto di Giuseppe Sguera, attaccante classe 1988 autore di 5 reti in 16 presenze stagionali, tornato in città per indossare la maglia biancorossa dopo il campionato vinto con l’Aquila Montevarchi in Promozione Toscana e le esperienze con Sanremese, Francavilla, Canosa e Ascoli Satriano.

 

La sconfitta di Bitonto brucia sulla pelle biancorossa, soprattutto per gli stop di Gravina e Vieste: “E’ vero-esordisce Sguera ai microfoni di BarlettaSport.it-abbiamo perso un treno per mettere pressione alle avversarie, ma occorre considerare che ci sono stati nuovi arrivi e che il campo non era ben messo e penalizzava le trame di gioco: fattori che uniti agli episodi sfavorevoli hanno determinato una domenica storta. Ora affrontiamo anche avversari che si chiudono e danno il 110% contro di noi: rispetto all’avvio di stagione, gli altri ci aspettano con il coltello tra i denti”. Il calendario ora offre due sfide casalinghe consecutive, contro Vieste e Novoli: “Sono occasioni importanti per tornare a fare punti-ammette Sguera-e avvicinarci al meglio alla sosta”.

Barletta 1922 vs. Hellas Taranto (124)

Novoli appunto, in settembre tappa inaugurale di un campionato che sin qui è stato un coacervo di sfide vinte: “E’ stata una sfida importante, in tanti l’abbiamo accettata sapendo che se le cose fossero andate male ne avremmo avuto la responsabilità”. Oneri e onori: “Da barlettano, vestire questa maglia è motivo d’orgoglio. Dopo tanti anni in giro per l’Italia sto indossando per la prima volta i colori della mia città, e ho subito sentito il peso della maglia e della storia del club. Ho segnato all’esordio su un campo di terra battuta, a Novoli, con 30 tifosi al seguito. Siamo stati gli unici a credere in questa rinascita sin dall’inizio, ed è a loro che vanno sempre i miei pensieri: non mollano mai nonostante tutto. Barletta è una realtà che va vissuta e conosciuta. Mi piacerebbe lasciare nei ragazzini che ci seguono un messaggio di fiducia e speranza nel calcio di strada, quello in cui un ragazzo può conquistare con il lavoro e il sacrificio un posto in un contesto nel quale la meritocrazia ha poco spazio”. Barletta come gruppo di colleghi e amici: “Sarebbe facile parlare di tutti i barlettani, in particolare Gaetano (Zingrillo, ndr) che conosco da quando giocavamo a calcio per strada da piccoli: poi c’è Leandro Rizzo, un fratello per me e un ragazzo d’oro con il quale ho stretto un bellissimo rapporto di amicizia”.

 

Lacarra, Rizzo, Moscelli, Vicentin, Sguera, Gadaleta: sei uomini per tre maglie, un reparto offensivo con pochi eguali in categoria. Sguera si è alternato tra il centro dell’attacco e la fascia, come nella ripresa a Bitonto: “Nasco come seconda punta, ma anche da esterno ci metto tanto sacrificio. Ho segnato le cinque reti partendo dalla fascia, è un ruolo che riesco a ricoprire, ma senza dubbio nel cuore del campo rendo un po’ di più. L’essenziale però è giocare, a prescindere dalla posizione”. L’asticella in classifica, complice anche il calciomercato, si è alzata: “Prima puntavamo alla salvezza, ora tutti l’hanno ribadito: miriamo al secondo posto. Io personalmente miro solo a migliorare giorno per giorno, intorno al Barletta ci sono già tante voci. Ognuno ha il suo compito, se ognuno lo fa al meglio si può raggiungere l’obiettivo. Preferisco che la risposta la diano il campo e il nostro lavoro”.

 

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


YELL!

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse