#BSMERCATO: Barletta 1922, volti noti sulle tribune del “San Sabino” Avvistati Montrone, Lacarra e Moscelli, Pizzulli: “Chiunque arriverà dovrà avere spirito di squadra”

#BSMERCATO: Barletta 1922, volti noti sulle tribune del “San Sabino” <small class="subtitle">Avvistati Montrone, Lacarra e Moscelli, Pizzulli: “Chiunque arriverà dovrà avere spirito di squadra”</small>

Dicembre, mese di feste, luci natalizie e ombre lunghe sul calciomercato, anche in Eccellenza. Al “San Sabino” di Canosa, oggi pomeriggio, si è giocata una doppia partita: la prima ha visto protagoniste appunto Barletta 1922 e Hellas Taranto, con la rete di Cantatore a decidere i giochi per i biancorossi, la seconda è stata disputata sulle tribune dell’impianto canosino, laddove non è passata inosservata la presenza dell’imprenditore andriese Francesco Fiore, che ha seguito la partita con tre possibili innesti nell’organico a disposizione di Massimo Pizzulli: Giovanni Montrone, difensore centrale classe 1986, Giuseppe Lacarra, centravanti classe 1987  nella scorsa stagione in serie D a Bisceglie (10 reti in 24 presenze) e Fabio Moscelli, attaccante classe 1976, autentico veterano del calcio pugliese e ad Andria con Fiore nella doppia scalata della Fidelis dall’Eccellenza alla Lega Pro. I tre hanno in comune la recente esperienza con il Team Altamura e potrebbero essere tesserati a stretto giro di posta dal Barletta: bocche sigillate per ora dalle stanze dei bottoni biancorossi.

Chi invece ha le idee chiare in campo e sul mercato è mister Massimo Pizzulli, intervenuto ai microfoni di BarlettaSport.it nel post-partita: “Chiunque arriverà dovrà avere lo stesso spirito della squadra: lo spirito di chi non molla mai e bada al collettivo. Sarà rimpolpata la rosa, anche con degli under e arriveranno calciatori che aumenteranno la nostra qualità e ci permetteranno di avere alternative in più da schierare di domenica in domenica”. Soddisfazione per la quinta vittoria nelle ultime sei partite per l’allenatore biancorosso: “Era la partita più difficile, per un avversario che si è chiuso bene e perché venivamo da una settimana particolare, in cui c’erano stati tanti fattori extra-campo, dal punto di penalizzazione per la partita contro il Gravina all’arrivo di una nuova dirigenza: il Barletta ha una società importante, e questo è molto positivo. Ci sono imprenditori seri e professionisti, e di questo va dato merito a questo gruppo che ha fatto qualcosa di straordinario: i 27 punti conquistati sul campo hanno permesso di creare grandissimo entusiasmo”.

Nel prossimo turno Barletta atteso a Bitonto, prima della doppia sfida interna (20 e 23 dicembre) a Vieste e Novoli: “Il Bitonto è un ottimo avversario, la classifica è bugiarda-il pensiero di Pizzulli-non hanno i punti che meriterebbero per organico. Hanno preso Manzari, stanno trattando altri calciatori che potrebbero schierare domenica prossima. Abbiamo già la testa al prossimo impegno”.

 

CLASSIFICA: Gravina 35, Vieste 30, Barletta 26, Casarano 25, Altamura, Mola ed Uc Bisceglie 24, Molfetta 23, Sudest e Novoli 21, Trani 19, Mesagne e Bitonto 18, Hellas Taranto 17, Otranto 16, Leverano 14, Castellaneta 12, Grottaglie 8.

 

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Titolo

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse