Ampliamento del “Manzi-Chiapulin”, passo in avanti verso la progettazione definitiva C'è l'ok della Giunta, ora redazione pratiche da sottoporre ad ASL e CONI

Ampliamento del “Manzi-Chiapulin”, passo in avanti verso la progettazione definitiva <small class="subtitle">C'è l'ok della Giunta, ora redazione pratiche da sottoporre ad ASL e CONI</small>

Alla vigilia dell’anno che verrà, la Giunta Comunale di Barletta torna a mettere sul tavolo il futuro del “Manzi-Chiapulin”, per il quale si prevede un ampliamento di capienza. In seguito all’incontro di ieri, si legge in una nota ufficiale diramata da Corso Vittorio Emanuele, “la Giunta ha approvato in linea tecnica il progetto definitivo per l’ampliamento della capienza dello stadio comunale Manzi Chiapulin. L’approvazione è propedeutica alla redazione delle pratiche necessarie all’ottenimento dei pareri dei Vigili del fuoco, dell’ASL, del CONI e della Commissione del Pubblico Spettacolo per l’inserimento dell’opera, dell’importo complessivo di € 260.000, nell’elenco previsto delle Opere Pubbliche tenendo conto che lo sviluppo dell’insieme delle attività sportive cittadine richiede la disponibilità di maggiori impianti sportivi”.

Mentre l’agibilità del “Puttilli” resta una chimera, l’amministrazione continua a sostenere un piano B per più di qualcuno indigesto. L’impianto dovrà anche “essere dotato di servizi igienici da collegare alla rete fognaria interna, di 2 nuove uscite di sicurezza e di varchi di esodo in direzione del terreno di gioco”. L’opera, inserita nel programma triennale dei Lavori Pubblici 2016/2018 per un finanziamento di 260.000 euro, sarà messa a gara contando possa essere ultimata almeno per la prossima stagione agonistica, con l’acquisizione dei pareri favorevoli del CONI, dei Vigili del Fuoco, della ASL, della FIGC e della Lega Nazionale Dilettanti. La struttura potrà contare 1038 posti. Di questi, 765 saranno destinati ai tifosi di casa e 273 agli ospiti. La tempistica, però, rischia di variare ulteriormente. Ma a questo, nella Città della Disfida, siamo tristemente abituati.

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini