Manzi-Chiapulin, una splendida incompiuta A tre anni dalla consegna, tante le potenzialità inespresse nella struttura in via dei Mandorli

Manzi-Chiapulin, una splendida incompiuta <small class="subtitle">A tre anni dalla consegna, tante le potenzialità inespresse nella struttura in via dei Mandorli</small>

Tra le opere realizzate nell’ultimo decennio a Barletta, con ogni probabilità, la tensostruttura inserita all’interno del perimetro del “Manzi-Chiapulin”, nella periferia ovest della città, è la più controversa: struttura sportiva polivalente, costata 173mila euro, completata nel maggio 2011, consegnata a marzo 2012 ma in realtà fonte di svariate critiche e disagi nel tempo, per le società sportive che ne avrebbero fatto uso, e la mancanza di spogliatoi differenti da quelli dell’attigua struttura del “Manzi-Chiapulin”, il che ha provocato evidenti disagi logistici e fisici.

Sulla carta la tensostruttura (dimensioni 40,60 x 21,75 m), dotata di pavimento in resina sintetica, di impianto di riscaldamento e di dieci proiettori, avrebbe dovuto ospitare sin dal principio le attività agonistiche relative al calcio a 5, pallamano pallavolo e tennis. Nel triennio preso in esame, eccezion fatta per lo svolgimento di alcune manifestazioni aventi a tema la pesistica e il biliardo, è stato precipuamente il futsal a far da protagonista al “Manzi-Chiapulin”, con le reti da pallavolo avvistate solo in tempi molto più recenti: visitando la struttura tout-court al giorno d’oggi, troviamo un campo sintetico in ottime condizioni, dove si allena anche il Barletta 1922, ma al tempo stesso non vi sono stati miglioramenti circa gli spalti, ridotti a lamiere di ferro che possono ospitare a regime completo circa 200 persone, e i servizi attigui, come il bar o la biglietteria, che raramente hanno visto aperti i propri battenti.

PROMO mini

Al giorno d’oggi il nome della struttura di via dei Mandorli è spesso associato ai desiderata dei tanti che seguono il calcio in città, che vorrebbero vedere il Barletta 1922 giocare “in casa” sul sintetico del Manzi-Chiapulin: ragioni di sicurezza e l’attesa di lavori di adeguamento della capienza ne ostacolano l’avvicinamento alla città di Eraclio, così la struttura è oggi la dimora di Real Bat, Audace Barletta, Mad Bulls Barletta e tante realtà giovanili che vi si alternano. La sensazione che resta è quella di una cattedrale nel deserto, avveniristica nel progetto e scarsamente pratica nell’attuazione. Chi ne paga le spese sono le svariate associazioni sportive che giorno dopo giorno provano a fare sport a Barletta. Amore per la pratica sportiva, burocrazia e calcetto: per ora è questa la storia del “Manzi-Chiapulin”.

 

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini