SS Barletta, la lavagna tattica Con il Lecce Sesia recupera De Rose a centrocampo ma in difesa Radi preoccupa

SS Barletta, la lavagna tattica <small class="subtitle">Con il Lecce Sesia recupera De Rose a centrocampo ma in difesa Radi preoccupa </small>

Squadra che vince non si cambia: scelta tanto semplice quanto comune nel mondo del pallone e che Sesia è intenzionato ad adottare anche in vista del derbyssimo di questo pomeriggio con il Lecce. Reduce da cinque vittorie consecutive, la squadra ha ormai acquisito una fluidità di gioco e una consapevolezza nei propri mezzi che attualmente la rendono una delle squadre più temibili nell’intero girone. Non c’è quindi nessuna motivazione per la quale il tecnico piemontese possa pensare a qualche cambiamento di formazione, sia per quanto riguarda gli uomini che scenderanno in campo che per quanto concerne il modulo da adottare, che ovviamente sarà ancora il 4-3-3. Confermatissimo sarà anche l’atteggiamento in campo, con una squadra corta, che attenderà il Lecce nella propria metà campo, senza abbassarsi troppo di baricentro ma comunque pronta a scatenare le proprie offensive in contropiede.

Peraltro il rientro di De Rose, dopo turno di squalifica scontato nella scorsa giornata, rinforza ancor di più le certezze di un centrocampo mai in forma come in queste giornate. L’inserimento del centrocampista calabrese, tra l’altro ex di turno, garantisce ancor più dinamismo ad una linea mediana che con il Messina ha trovato in Cortellini una valida alternativa nel ruolo di mezzo sinistro. Qualche dubbio aleggia invece sulle condizioni di Radi. Il centrale difensivo è reduce da una settimana passata con l’influenza e non ha potuto allenarsi al meglio in questi giorni. Difficilmente Sesia si priverà della suo apporto in coppia con Stendardo ed è quindi probabile un suo impiego dal 1′, con Zammuto eventualmente pronto in caso di forfait dell’ultim’ora.

PROMO mini

In attacco gli equilibri rimangono inalterati. In attesa di qualche arrivo da un mercato fin qui ricco di partenze e avaro di operazioni in ingresso, Fall rimane comunque il perno inamovibile del tridente offensivo. Il franco senegalese è alla ricerca del sesto timbro in sei partite e cercherà di dare filo da torcere alla difesa salentina, sia nel gioco di sponda che nell’aggredire gli spazi. Ai suoi fianchi Danti e Venitucci, al suo primo centro stagionale nel match con il Messina, cercheranno di allargare la retroguardia avversaria e il fraseggio stretto con terzini e mezzali.

 

1
Liverani
3
Cortellini
6
Radi
5
Stendardo
2
Meola
4
Legras
10
Quadri
8
De Rose
9
Danti
11
Fall
10
Venitucci
PROMO mini
PROMO mini