Sesia: “senza paura contro la Salernitana” A Lamezia determinazione e un pizzico di fortuna, no al timore reverenziale nei confronti della capolista e sul mercato...

Sesia: “senza paura contro la Salernitana” <small class="subtitle">A Lamezia determinazione e un pizzico di fortuna, no al timore reverenziale nei confronti della capolista e sul mercato... </small>
Marco Sesia, allenatore S.S. Barletta Calcio.

Marco Sesia, allenatore S.S. Barletta Calcio.

GIOIA VIGOR – Mister Sesia parla alla vigilia dell’ostica sfida interna con la capolista Salernitana con fare più serenito rispetto ad altre conferenze stampa grazie anche all’affermazione in quel di Lamezia Terme. «A Lamezia abbiamo giocato come a Catanzaro, solo che questa volta siamo stati più fortunati.» Esordisce l’allenatore biancorosso «tante volte in trasferta abbiamo fatto la stessa partita, questa volta ci è andata meglio. I ragazzi sono stati più furbi, meno smaliziati. La fortuna arriva quando te la cerchi: l’autorete ci ha senza dubbio aiutati.»
«Di certo l’entusiasmo non deve portare rilassarci: evitiamo passi più lunghi della gamba. Domani dovremo a tutti i costi cercare di trovare un risultato positivo, combattendo fino alla fine. Di sicuro non possiamo cullarci per una sola vittoria».

FRONTE SALERNITANA
«La Salernitana è capolista meritatamente, è reduce da 5 vittorie consecutive ed ora a trovato un’impostazione di gioco più quadrata rispetto all’inizio di stagione, quando ha rischiato di perdere in casa col Melfi. Giocano meglio e lo fanno da squadra. Menichini sta facendo un ottimo lavoro. Noi dovremo giocare la solita partita, fatta di intensità, difesa, attenzione sulle palle inattive e abilità a colpirli magari in ripartenza.»

PROMO mini

NO ALLA PAURA – «Dobbiamo essere bravi a non giocare con timore e a trovare la soluzione di gioco adatta ai momenti della partita. Difendo bassi si rischia di subire il gol, altrettanti pericoli si corrono nel caso in cui provassimo a difendere troppo alti, dobbiamo cercare il giusto compromesso e portare la partita ed il ritmo di gioco a nostro vantaggio.»

calil[1]

Calil, giocatore chiave (Fonte: PositanoNews.it)

TALLONE D’ACHILLE? – «Secondo me qualche piccolo punto debole ce l’hanno: nessuna squadra può essere perfetta. Vedremo che calcio proporranno, qualcosa magari lasceranno. Dovremo essere bravi a leggere questi fattori. Se sono primi è perchè viaggiano a una media di 2.3 punti a partita, hanno dimostrato di essere la formazione più forte sin qui: sono cinici fuori e spumeggiante in casa. Con il passare delle giornate hanno acquisito sicurezza e hanno inserito 2-3 calciatori importanti, con l’esplosione di Calil».

Firmerebbe per un pari?
«Sì, perchè fino ad ora con le squadre grosse non ci siamo riusciti. Firmerei per il punto anche non giocando benissimo, come invece avvenuto con Matera e Benevento. E’ chiaro che dal punto di vista estetico vorrei sempre vedere una squadra che gioca bene».

CASA BARLETTA
«I ragazzi stanno bene, hanno lavorato con grande carica: per fortuna Barletta ha mostrato grande maturità rispetto a quello che si dice. E’ chiaro che i tifosi ci hanno chiesto più determinazione, più grinta, se giochi male come successo con l’Aversa ti arrivano i fischi. Riguardo alle defezioni, Branzani dovrebbe essere pronto per la panchina a Foggia, Venitucci sconta il terzo turno di squalifica, poi mancheranno Biancolino e Dell’Agnello».

«Credo che il 4-3-3 ci dia maggiore equilibrio ora: i nostri esterni in fase difensiva dovranno essere bravi a tornare in mediana per darci una mano. Se poi l’attaccante fa questo lavoro bene, allora ne giova tutta la squadra come equilibrio».

Fall nel postpartita di Vigor Lamezia-Barletta.  (Fonte: S.S. Barletta Calcio)

Fall nel postpartita di Vigor Lamezia-Barletta.
(Fonte: S.S. Barletta Calcio)

TATTICA IN VISTA DI DOMANI  – «Credo che il 4-3-3 ci dia maggiore equilibrio ora: i nostri esterni in fase difensiva dovranno essere bravi a tornare in mediana per darci una mano. Se poi l’attaccante fa questo lavoro bene, allora ne giova tutta la squadra come equilibrio».

FALL E IL GOL – «Lui si è trovato ad essere l’unica prima punta: è in un girone importante rispetto ai tornei in cui aveva giocato in passato. All’inizio dell’anno era uno dei cinque attaccanti per un attacco da 4-3-3. Può fare la prima punta ma non è il suo ruolo specifico: io dico che ha sbagliato solo la partita con l’Aversa dal punto di vista tecnico e mentale, ma a Lamezia si è rifatto alla grande dopo essersi allenato molto bene. Speriamo che si sia definitivamente sbloccato».

MERCATO DI RIPARAZIONE – «Stiamo cercando una punta, ma ho chiesto anche altro. Bisogna vedere se ci saranno le possibilità, degli incastri giusti: ci serve un attaccante anche per questioni numeriche. Chiunque fosse interessato alla serie D sarebbe stato a disposizione al più per la sfida al Foggia. Tanto vale cercare 1-2 giocatori nel mercato dei professionisti: abbiamo delle idee, sappiamo che per Virdis sta per partire un’asta e non sarebbe facile prenderlo. Ci serve un calciatore orientato in ottica salvezza, anche come ingaggio. Valuteremo caso per caso anche la situazione di chi ha giocato meno. Ora però non pensiamo al calciomercato, siamo assolutamente concentrati sulla Salernitana».

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini