Barletta, la difesa è top La porta di Liverani è la seconda meno battuta del campionato ma sabato si presenta il miglior attacco del girone

Barletta, la difesa è top <small class="subtitle">La porta di Liverani è la seconda meno battuta del campionato ma sabato si presenta il miglior attacco del girone</small>

La vittoria di Lamezia concede finalmente una settimana all’insegna della tranquillità per gli uomini di Sesia. Il Barletta, grazie ai tre punti conquistati in Calabria, stacca la zona play-out di due punti (a +2 sul Martina) ma si avvia ad affrontare un finale di anno solare ad altissimo coefficiente di difficoltà.Salernitana in casa e Foggia in trasferta costituiscono due ostacoli decisamente alti ma comunque non impossibili da superare.

L’analisi post Lamezia, se da un lato mette in risalto un Fall finalmente liberatosi del tabù gol, dall’altro evidenzia un rendimento difensivo che si sta facendo via via sempre più performante. I biancorossi – con quattordici reti subite, di cui solo due nelle ultime cinque gare – possono infatti contare sulla seconda miglior difesa del campionato, in condominio con il Benevento e dietro al trio composto da Salernitana,Lecce e Foggia (con tredici gol al passivo). Un dato che mette in risalto due aspetti non trascurabili di questo girone di andata che si avvia a conclusione: il primo, abbastanza scontato, ci dice che il Barletta con un attacco anche solo leggermente più in vena oggi si ritroverebbe con qualche punto in più in classifica. Il secondo evidenzia invece l’ottimo rendimento di tutta la fase difensiva, piuttosto che di una singola difesa più volte resasi protagonista di disattenzioni imperdonabili.

PROMO mini

Almeno cinque dei quattordici gol subiti sono infatti ascrivibili a topiche dei difensori o a cali di concentrazione (Meola con la J. Stabia, Zammuto con la Lupa Roma, Guarco con la Casertana, Kiakis con la Paganese, Radi con il Catanzaro), ottimamente compensate da un atteggiamento tattico ordinato che fa perno sul buon lavoro di filtro dei tre centrocampisti ma anche sulle parate di Liverani, mai sotto la sufficienza da inizio stagione. Il rendimento si fa ancora migliore in casa, dove il portiere biancorosso ha dovuto raccogliere la palla dalla rete solo tre volte, due delle quali a seguito di conclusioni dalla lunga distanza (Marotta e Iannini) e una sola volta a difesa schierata (Arcidiacono).

Per questi motivi la gara con i campani di sabato prossimo assume connotati ancora più interessanti. La Salernitana vanta il miglior attacco e la miglior difesa del campionato e lontano dall’Arechi, a parità di rendimento offensivo, la porta di Gori viene blindata ancor di più (solo tre gol al passivo). Quale sarà dunque il miglior modulo da opporre ai granata? Sesia tornerà alla difesa a 3 o continuerà sulla strada del 4-3-3? La settimana di allenamenti servirà per fornire indicazioni preziose, al netto di un po’ di pre tattica che in occasioni come queste non guasta mai.

PROMO mini
1 commento

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini