Numeri & Sport, I precedenti tra Barletta e Salernitana Un condensato delle storiche sfide tra Barletta e Salernitana in parole e dati statistici

Numeri & Sport, I precedenti tra Barletta e Salernitana <small class="subtitle">Un condensato delle storiche sfide tra Barletta e Salernitana in parole e dati statistici</small>

[visualizer id=”20563″]

Il grafico di cui sopra non fa altro che rappresentare numericamente il dato dei “precedenti” al Puttilli (ex “Comunale) tra i granata e i biancorossi, il dato è stato recuperato dal sito SoloSalerno.it e racconta di un bilancio che arride decisamente alle “furie rosse”.

PROMO mini

I TRIONFI DEL SIMEONE – La lunga storia delle sfide tra Barletta e Salernitana inizia il 22 febbraio 1959, la prima volta nel vecchio Lello Simeone, il torneo è quello di Serie C 1958/59. Il match finì 3-1 per i biancorossi, in una stagione che ricorda la 2013/2014, senza retrocessioni per riforma dei campionati. Il ko granata per fu determinato dalle segnature di Gambino, Guidazzi e Silvestri. Nella stagione seguente fu pari senza gol, mentre il segno X del campionato 1960/61 fu suggellato da un 1-1 (Gol di Peruzzi per i biancorossi). Ancora uno 0-0 nel 1961/62, una stagione infausta e dimenticabile finita con una mesta retrocessione in Serie D (all’epoca “Interregionale”).  Solo il 4 febbraio del 1968 ritorna la sfida ra le due compagini, sempre in terza serie, con il barletta che torna alla vittoria per 1-0 con il gol di Taluzzi. Altri trionfi biancorossi nei due anni successivi (segnò Serina il 22 dicembre del ’68, mentre un autogol di Gennaro Olivieri punì la Salernitana il 1 marzo del ’70).

Una delle vittorie più entusiasmanti del Barletta fu la prima avvenuta tra le mura dell’attuale Cosimo Puttilli (allora “Comunale”), il 30 maggio 1971: i granata erano protagonisti di un testa a testa col Sorrento per guadagnare la promozione in cadetteria e alla terzultima giornata persero in Puglia 2-1, dopo essere passati pure in vantaggio con Fausto Daolio, per i nostri andarono a segno Veronese e Roccotelli, ribaltando così il risultato. Le due formazioni si ritrovarono di fronte nel torneo 1972/73 (la sfuriata iniziale di Cariati e bomber Lobascio fu rimontata dalla doppietta granata ad opera di Aldo Busilacchi). Tra il 1973 e il 1976 giunsero tre successi consecutivi, tutti per 1-0: nell’ordine furono Rossi, Mastrullo e Pellegrini i ‘paladini’ dei biancorossi che vinsero pure nel 1976/77 (doppietta di Tiozzo), nel 1977/78 (1-0 gol di Zanolla) e nel 1978/79 (marcatori De Gennaro e Cariati). Quest’ultimo ko avvenuto in un campionato dalla classifica corta: il Barletta retrocesse.

LA PRIMA VOLTA  – A sfatare il tabù Barletta fu Fabio Vulpiani il 18 novembre 1981 quando, nell’andata dei sedicesimi di Coppa Italia di Serie C,  siglò il gol del successo granata (0-1).

La salernitana in viaggio per Barletta per la 29^ volta nella sua storia

La salernitana in viaggio per Barletta per la 29^ volta nella sua storia

Doppio confronto nell’82/83: in Coppa Italia finì 1-1 con gol di Perissinotto per i biancorossi (ma all’andata il Barletta era andato a segno per 4 volte al Vestuti), mentre in campionato fu solo 0-0. Il 20 maggio del 1984 un’autorete di Simoni regalò alla Salernitana anche il primo successo in campionato a Barletta, erano i tempi dell “furie rosse” del record di imbattibilità casilingo durato ben 4 stagioni ed interrotto proprio in occasione di questa partita (0-1 anche in questo caso). Nella stagione 1984/85 i campani uscirono novamente sconfitti dal ‘Puttilli’, stavolta 2-0 (D’Este e Romiti in gol), idem l’anno successivo (4-1, doppio Romiti, Sciannimanico e Di Maria per i barlettani, Santo Perrotta per i granata). Sciannimanico segnò pure nel 1986/87, anno che sancì la storica ed indimenticabile promozione in B  (finì 1-1 e pareggiò i conti per la Salernitana Agostino Brancale) . Il 7 aprile 1991 l’unico confronto in Serie B (0-0 tra le due compagini che retrocessero a fine stagione, il Barletta ultimo e la Salernitana dopo lo spareggio famigerato contro il Cosenza).

TEMPI RECENTI – L’anno dopo in terza serie arrivò il terzo exploit campano (0-1, in rete Dal Prà), mentre nel 1992/93 la vittoria fu dei padroni di casa che fecero definitivamente uscire dal giro promozione l’undici all’epoca allenato da Sonzogni (Sgherri, Cerqueti e La Notte i marcatori barlettani, gol della bandiera ospite di Gabriele Landi). Quarta vittoria per i granata al ‘Puttilli’ grazie a Vittorio Tosto, il 28 novembre 1993 (0-1). Le due compagini tornano ad affrontarsi il 13 ottobre 2010 in Coppa Italia di Lega Pro, con la Salernitana sconfitta ai supplementari: dopo lo 0-0 nei tempi regolamentari successe tutto nell’extra time, con Infantino e Menicozzo a vanificare la rete di Ragusa.

L’ultimo precedente è tristemente fresco nelle menti dei tifosi barlettani e risale alla scorsa infausta stagione, la Salernitana si impose al Puttilli senza fatica alcuna col perentorio risultato di 2-0 (a segno Ciro Ginestra su rigore e Matteo Guazzo). Era il 29 settembre 2013, in panchina Stefano Sanderra, già tecnico biancorosso nella stagione del ritorno al professionismo dopo 15 anni, altro tassello di uno storico e suggestivo intreccio bianco-rosso-granata.

PROMO mini
1 commento

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini