Barletta Calcio, i cinque gol dell’anno Le migliori reti siglate nell'anno solare 2014. Da Mantovani a Floriano

Barletta Calcio, i cinque gol dell’anno <small class="subtitle">Le migliori reti siglate nell'anno solare 2014. Da Mantovani a Floriano</small>

Eccezion fatta per alcuni scampoli nel finale, il 2014 del Barletta non può dirsi totalmente positivo. Nonostante i risultati poco incoraggianti fino a maggio ed una situazione recuperata in extremis a dicembre, non sono mancate le prodezze dei giocatori biancorossi. Attraversando due stagioni calcistiche, ma incoronando un giocatore su tutti grazie alle sue giocate, riviviamo i cinque gol più belli dell’anno in ordine cronologico.

Jacopo Mantovani, adesso al Renate.

Jacopo Mantovani, adesso al Renate.

Jacopo Mantovani, Barletta-Lecce 1-2 (1-0) – Le speranze di conquistare il derby con i salentini passano dal destro a giro del fantasista bolognese. Era il 9 febbraio quando il numero 10 della formazione di Orlandi, da circa 25 metri, insaccò il pallone alle spalle dell’estremo leccese e fece ben sperare per il prosieguo del match. Le reti di Miccoli e Amodio, però, ribaltarono il punteggio e lanciarono i giallorossi verso le prime posizioni della classifica. Per il Barletta, invece, ennesima delusione del campionato ma anche una giocata da incorniciare.

PROMO mini

Roberto Floriano, Barletta-Messina 1-0 (1-0) – La prima presenza dell’esterno biancorosso, la cui avventura sembra essere arrivata già al capolinea. Le prime offerte sono arrivate con la fine del 2014, ma i primi riflettori sul gioiello di Albstadt si accesero già a fine agosto con la rete che mandò al tappeto i siciliani. Prima giornata di campionato, primo eurogol con un altro destro a giro, stavolta dal vertice sinistro dell’area di rigore. Pubblico in visibilio, che lo elegge nuovo idolo della tifoseria.

Roberto Floriano, Paganese-Barletta 2-1 (1-1) – Nel momento più complicato della partita e forse della stagione, almeno sul campo, fu ancora il funambolo scuola Inter ad accendere la luce. Una luce comunque spenta con il nuovo vantaggio dei campani, ma comunque abbastanza brillante per confermarlo ai vertici della squadra. Sombrero sul lato corto dell’area, evitato il raddoppio di marcatura, sassata sul primo palo e partita nuovamente in equilibrio. Quella volta, però, non bastò per portare punti al carniere biancorosso.

La gioia di Ameth Fall dopo il gol.

La gioia di Ameth Fall dopo il gol.

Ameth Fall, Barletta-Salernitana 1-0 (1-0) – A lungo criticato, spesso senza badare alle sue reali caratteristiche tecniche, l’attaccante senegalese ha trovato il secondo gol della stagione in corso con una rete di pregevole fattura. Non solo una gran giocata a livello balistico, ma anche importantissima perchè ha steso la capolista del girone C. Uno contro uno al limite dell’area, bordata col destro diretta all’angolino alla sinistra del portiere. La corsa alla salvezza passa anche dal gol di quindici giorni fa.

Roberto Floriano, tre presenze in classifica.

Roberto Floriano, tre presenze in classifica.

Roberto Floriano, Foggia-Barletta 0-1 (0-1) – La terza presenza in classifica dimostra l’importanza di questo elemento nell’economia della squadra di Sesia. Quando poi le conclusioni magistrali risolvono partite dal peso specifico a dir poco imponente, diventa chiara la difficoltà di trovare un eventuale sostituto in caso di cessione a gennaio. La rete che ha deciso il derby è già finita negli annali e rimarrà a lungo nella memoria dei tifosi biancorossi, che sbancano lo Zaccheria per la terza volta nella storia.

PROMO mini
PROMO mini