Barletta-Melfi, le voci del dopogara Biancorossi in silenzio stampa, parlano Bitetto e Dermaku

Barletta-Melfi, le voci del dopogara <small class="subtitle">Biancorossi in silenzio stampa, parlano Bitetto e Dermaku</small>

Il secondo impegno casalingo consecutivo finisce con uno 0-0, ma il Barletta non può dirsi soddisfatto della prestazione espressa sul terreno del Puttilli. Merito va anche dato ad un Melfi roccioso e ben organizzato, capace di sfiorare il vantaggio a più riprese in un match dal basso contenuto di emozioni. E con i biancorossi in silenzio stampa da una settimana, il dopogara vede tra i protagonisti soltanto i lucani.

Mister Bitetto, vecchia conoscenza del calcio barlettano, rimpiange le occasioni mancate ma conferma la soddisfazione per il punto conquistato: “In alcune circostanze abbiamo avuto troppa fretta di fare la giocata, quando invece avremmo potuto gestire meglio il possesso. Tutto sommato, non posso che ritenermi soddisfatto per il risultato: questi ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro, anche oggi eravamo imbottiti di under. La rosa è striminzita e non possiamo contare su un ampio budget, ma chiunque vada in campo riesce a sopperire con la corsa e il coraggio all’inesperienza“. Il Barletta è stato arginato sulle corsie esterne: “La difesa a quattro ha funzionato bene – prosegue Bitetto – e Guerriera ha fatto un ottimo lavoro su Floriano: ha il suo stesso ritmo, poi è riuscito anche a proporsi in fase offensiva“. L’ultimo appunto è sul coro di inizio partita. Bitetto ha vinto un campionato di Eccellenza a Barletta e la curva ha ricordato il mister di quell’annata. Lo stesso tecnico spiega l’aneddoto: “Non ho sentito il coro perchè ero troppo preso dalla partita, ma mi è stato riferito dalla panchina. Inutile ribadirlo, di Barletta porterò sempre un ottimo ricordo“.

PROMO mini

In sala stampa tocca anche a Kastriot Dermaku. Il difensore albanese ha anche sfiorato la rete e nella conferenza post-gara esprime tutto il suo rammarico per l’occasione fallita, ma guarda avanti: “Sono stato sfortunato nella circostanza, ma credo che sia importante la prestazione e il bottino che portiamo a casa. Siamo una squadra di ragazzi, corriamo e diamo il massimo anche contro squadre di grande esperienza. Perina è stato bravo in diverse occasioni e ha lasciato inviolata la nostra porta, ma anche noi abbiamo provato a renderci pericolosi“. Decimo pareggio in tredici partite: “Spesso abbiamo anche meritato di vincere – spiega Dermaku – e contro Lamezia e Catanzaro avremmo potuto raccogliere qualcosa in più“.

PROMO mini
PROMO mini