Sesia: “Voglio vedere carattere” "Il Matera è avversario tosto ma ha qualche punto debole. Il 3-5-2? potrebbe essere riproposto"

Sesia: “Voglio vedere carattere” <small class="subtitle">"Il Matera è avversario tosto ma ha qualche punto debole. Il 3-5-2? potrebbe essere riproposto"</small>

È la vigilia di una sfida di campionato molto delicata, che vedrà il Barletta affrontare un Matera che – proprio come i biancorossi – è alla ricerca di riscatto dopo due sconfitte consecutive. A presentare la gara nella consueta conferenza della vigilia è l’allenatore Marco Sesia, che pare avere le idee abbastanza chiare in vista di domani sera.

Mister, come state preparando la partita di domani?
“La stiamo preparando come sempre, cercando di lavorare sugli aspetti mentali, fisici e tecnici. È stata una buona settimana, mi auguro ci siano i giusti responsi domani sera. Sembrano frasi fatte ma è così, affrontiamo una squadra forte ma noi dobbiamo riprendere a macinare punti altrimenti la classifica diventa preoccupante.”

Betland mini wide

Facciamo un passo indietro a Caserta: la squadra ha subito due gol su palla inattiva. È il segnale che pecca in concentrazione?
“Si è vero, brucia perdere all’87 e brucia prendere due gol su giocate da fermo. Era già successo con il Benevento, su rimessa laterale. Sono situazioni che vanno al di là degli aspetti tattici o tecnici ma concernono l’attenzione. In settimana abbiamo lavorato su questo, considerando che nel calcio un’alta percentuale di gol arriva proprio su calcio da fermo. Dobbiamo migliorare.”

Sul gol ingiustamente annullato a Biancolino si sente di dire qualcosa?
“Dal campo non mi sono accorto fosse regolare, me lo hanno riferito dopo. Si tratta di dettagli, è inutile stare a guardare quello che è successo perché non siamo alla ricerca di alibi, spero solo che alla fine dell’anno queste situazioni si compensino. Devo tenere in considerazione il fatto che comunque la squadra a Caserta è arrivata 4-5 volte davanti alla porta ma ha concretizzato poco. Quello è senz’altro un aspetto da tenere maggiormente in considerazione.”

La crisi di risultati  come sempre mette sul banco degli imputati in primis l’allenatore. Lei si sente tranquillo?
“Io sono sereno, credo di aver fatto fino ad ora un ottimo lavoro. L’esonero non deve essere un vezzo ma devono verificarsi una serie di condizioni e al momento queste condizioni qui credo non ci siano. Il Barletta ha sempre giocato discretamente, steccando solo la partita con la Lupa Roma. Con questo non dico che non si dovrebbe migliorare, anzi. Però se non altro è un’aspetto che mi fa stare tranquillo. Più che pressione parlerei di dispiacere perché credo che i punti raccolti siano pochi rispetto a quanto fatto vedere sul campo fino ad ora.”

Parlando a posteriori, si sente soddisfatto del mercato fatto in estate?
“Il campo è testimone di tutto quello che fai anche in sede di calciomercato. La società ha cercato di costruire una squadra capace di mettersi alle spalle 5 partite. Da un certo punto di vista si può anche parlare di sfortuna, come successo con Dell’Agnello. Un ragazzo che aveva prospettive ben più  alte della Legapro e che poteva fare la differenza in questo campionato.  Ma a prescindere da questo credo comunque che questa squadra abbia un equilibrio di forma abbastanza evidente. Il Barletta ha assolutamente le potenzialità per ottenere quello che le è stato chiesto. In questo periodo abbiamo pagato alcune difficoltà, tra le quali ci metto anche l’inesperienza dell’allenatore in una categoria come questa. Sono fattori che avevamo messo in conto prima di iniziare. Io comunque rimango assolutamente sereno.”

Palazzolo sta mostrando una buona verve nelle ultime uscite. Si sente di riproporlo anche domani?
“Sono per la meritocrazia. Bisogna premiare chi ben lavora nel corso della settimana. Palazzolo è un ragazzo che sta facendo bene, è 94 e può ancora migliorare. Al di là del gol può considerarsi a tutti gli effetti un titolare di questa squadra.”

Cosa ne pensa dell’acquisto di Danti? E sul possibile tesseramento di Traorè?
“Danti è un giocatore che viene da un lungo stop ma ha dimostrato subito di avere le motivazioni giuste. Avevamo bisogno con l’uscita di Dell’Agnello di avere numericamente qualcun’altro e anche se Danti non è prima punta comunque mi consente di avere un’opzione in più per l’attacco. Su un suo utilizzo più o meno immediato dipenderà da lui, perché deve entrare in forma. Per Traorè il discorso è prettamente burocratico, bisognerà vedere quali sono le possibilità di contrattualizzarlo. Finora ha fatto bene ma intanto sono contento che la società mia abbia messo a disposizione Danti.”

In vista di domani ha intenzione di continuare sulla strada del 3-5-2?
“Per caratteristiche Meola si trova meglio in quello schieramento, potrebbe essere una soluzione anche in vista di domani.È  un modulo congeniale alle caratteristiche dei miei giocatori, al di là di qualche normale adattamento. Ma a prescindere dai ruoli e dai numeri quello che voglio vedere è lo spirito giusto, che deve essere determinante per raggiungere la vittoria mettendo in difficoltà l’avversario.”

Come servirà interpretare la partita contro un avversario “arrabbiato”?
“Probabilmente sarebbe stato meglio trovare un Matera meno arrabbiato. Bisognerà entrare in campo con la mentalità giusta, aggressiva. E’ una squadra forte che se ha la possibilità di palleggiare ti manda in difficoltà. Bisognerà sfruttare i loro punti deboli, che sono pochi ma ci sono. Inoltre dovremmo tenere alta la guardia su quelle situazioni che ci hanno recentemente penalizzato”.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Isolaverde Post

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Bellino Mini Wide
Zerodue Mini Wide
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Zerodue Mini Wide