Barletta Calcio, la rivoluzione per traghettare In campo nessuna scossa dopo il repulisti. Carrara per l'ultimo mese, ma nessuna aspettativa

Barletta Calcio, la rivoluzione per traghettare <small class="subtitle">In campo nessuna scossa dopo il repulisti. Carrara per l'ultimo mese, ma nessuna aspettativa</small>

Non serviva la sconfitta di Pontedera per confermare uno status già chiaro da venerdì. L’epurazione dirigenziale e tecnica non cambia di una virgola ciò che si apre davanti al Barletta, atteso da un mese di inerzia e risultati sulla stessa lunghezza d’onda dei precedenti, o quantomeno non in grado di mutare la situazione stagionale.

Al Mannucci arriva la quinta sconfitta consecutiva, figlia di un primo tempo in cui i granata giocano sul velluto e trovano immediatamente vantaggio e allungo. La reazione è timida, la squadra è scossa e conferma le pecche psicologiche dettate dai numerosi fattori esterni e tecnici. Carrara prova a scuotere i suoi con l’intuizione Campagna, ma è troppo poco per riscrivere la storia di un match già concluso e consegnato alle statistiche.

PROMO mini

Sembra un film già visto, anzi lo è. Ciò che cambia rispetto alle uscite precedenti, invece, è la condizione psicologica dei tifosi barlettani che, seppur delusi dall’ennesimo ko, cominciano a metabolizzare quanto è successo nel corso della settimana. Poche le contestazioni del postpartita, tanto l’amore di una quindicina di supporters giunti a Pontedera per l’onore della maglia biancorossa. Se prima si attendeva la fine del campionato come la conclusione di un supplizio targato MartinoOrlandi, adesso si arriva a maggio con la consapevolezza di ciò che è stato e che, soprattutto, non dovrà ripetersi.

La caduta in terra toscana così come le prossime gare di campionato, a prescindere dal risultato, rappresentano dunque un traghettamento indolore verso la fatidica data del 30 giugno. La prima preoccupazione del sostenitore barlettano è ormai legata al futuro societario, tralasciando così l’esito delle ultime due partite ancora da giocare, Nocerina esclusa.

Campionato ufficialmente in secondo piano per tutti, eccezion fatta per Carrara. Il tecnico biancorosso, durante la conferenza stampa di venerdì, non ha nascosto le velleità di riconferma per la prossima stagione, un obiettivo da raggiungere mediante le ultime uscite. L’esordio non è andato come auspicato alla vigilia, Catanzaro e Grosseto diventano le ultime chances da giocare. E’ ancora presto per parlare di rinnovo contrattuale: con un nuovo tecnico o meno, la piazza si augura di trovare la serenità che merita dopo due anni di sofferenza, abbandonando quell’idea del traghettare che, a Barletta, non ha mai permesso di costruire un vero ciclo.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini