Pisa-Barletta, le voci del dopogara Cozza, Orlandi, Martella e Goldaniga nella sala stampa dell'Arena

Pisa-Barletta, le voci del dopogara <small class="subtitle">Cozza, Orlandi, Martella e Goldaniga nella sala stampa dell'Arena</small>

Dopo quattro pareggi consecutivi che hanno chiuso il 2013, il nuovo anno comincia con una sconfitta. Il Barletta cade 2-0 all’Arena Garibaldi di Pisa e rimane al terzultimo posto davanti a Paganese e Nocerina. Nel postpartita arrivano i commenti a caldo dei protagonisti: il tecnico nerazzurro Cozza e Nevio Orlandi analizzano il match del pomeriggio, seguiti dai due marcatori Martella e Goldaniga.

Orlandi è l’unico dei biancorossi a parlare nel dopopartita: “E’ stato un primo tempo equilibrato, abbiamo creato molto ma ci è mancata la stoccata sotto porta. La vittoria era in bilico fino alle prime battute del secondo tempo, poi il Pisa è riuscito a trovare la via del gol. Abbiamo provato ad imbastire azioni pericolose, dopo lo svantaggio abbiamo anche sfiorato il pari“. Annullato un gol a Camilleri sugli sviluppi di un corner, ma il tecnico non polemizza: “Sul fuorigioco preferisco non espormi, dalla postazione tecnica non si vedeva la posizione corretta di Camilleri“. Infine un giudizio sul collega di panchina: “Ciccio Cozza è un buon allenatore, ha tutte le carte in regola per imporsi sulla panchina nerazzurra“.

PROMO mini

Il tecnico dei nerazzurri dà la sua versione della partita: “Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Era la prima partita dell’anno, dopo un periodo difficile siamo riusciti a trovare l’equilibrio necessario. Primi 25 minuti in sordina, poi ci siamo sbloccati e abbiamo trovato le due reti in un buon secondo tempo“. I giocatori si ritengono soddisfatti dei nuovi dettami tattici: “Le mie squadre creano occasioni da gol, poi ci sono episodi a favore o meno. Abbiamo trovato le reti decisive, ci siamo sbloccati e abbiamo giocato con più serenità cercando altre soluzioni tattiche. Ho una rosa duttile e ben amalgamata in campo e nello spogliatoio. Adesso pensiamo a lavorare, venerdì abbiamo l’anticipo durissimo a Frosinone ma ce la giocheremo alla pari. Domani mattina riprendiamo già la preparazione“.

E’ la volta dell’uomo che ha sbloccato la partita, Bruno Martella: “Barletta sta diventando la mia vittima preferita, ma l’importante è aver trovato il successo alla prima occasione dell’anno. L’azione del gol è stata fortuita, Arma non ha colpito il pallone su cross di Pellegrini e sono riuscito ad insaccare“. Cozza ha cambiato qualcosa nel gruppo nerazzurro: “Con Cozza mi sto trovando bene, è una posizione che ricorda quella che occupavo a Viareggio con Cuoghi. Abbiamo rischiato qualcosina in difesa nel primo tempo, ma sono meccanismi che dovremo rendere più fluidi con il passare delle settimane. I lati positivi del nuovo tecnico sono le idee tattiche più ragionate, non cerchiamo più il lancio per la punta ma ragioniamo dalla retroguardia“.

Goldaniga è l’altro marcatore del match, abile a chiudere la pratica ad un quarto d’ora dalla fine: “Era importante partire col piede giusto con il nuovo mister. Aspettavo da tanto il gol, l’ho trovato dopo un paio di sortite offensive. Riuscivo a liberarmi bene dalla marcatura, poi sono riuscito a fare centro. Stiamo trovando l’amalgama dopo gli allenamenti natalizi, adesso un match importante a Frosinone per testare le nostre ambizioni. Andiamo lì con la cattiveria giusta“.

PROMO mini
PROMO mini