Barletta-Frosinone 2-1, le pagelle dei biancorossi Orlandi le azzecca tutte. Ilari è una certezza. La Mantia, che ritorno!

Barletta-Frosinone 2-1, le pagelle dei biancorossi <small class="subtitle">Orlandi le azzecca tutte. Ilari è una certezza. La Mantia, che ritorno!</small>

Liverani 6,5:  Nel primo tempo argina in modo provvidenziale le folate offensive dei ciociari. Grande reattività sulla conclusione a botta sicura di Ciofani.

Guglielmi 5: Sbaglia molti disimpegni e spesso appare  troppo restio a rischiare la giocata, specie in fase di impostazione. Sicuramente nel suo ruolo c’è di meglio nella rosa a disposizione di Orlandi, ma del resto lo sanno anche i muri che la sua presenza in campo non è semplicemente legata a questioni tecniche.

PROMO mini

Camilleri 6,5: Più sciabola che fioretto ma è quello che serve. Molto attento nel chiamare su la linea e nel raddoppiare le marcature sulle due punte avversarie.

Di Bella 6,5: Solita prestazione di spessore tecnico e di carattere per uno dei pochi che sta mostrando un rendimento costante nel corso di questa stagione.

Cane 6,5: Propizia l’espulsione di Crivello e spinge con molta costanza lungo la fascia di sua competenza.

Legras 6: Bada al sodo senza strafare. Buoni i disimpegni nello stretto, meno nei lanci lunghi.

Mantovani 6,5: Certo, non avrà i piedi di velluto ma gioca con voglia e si vede. Alle volte prende il sopravvento la foga e si dimostra impreciso ma contro i ciociari è il carattere a prevalere.

Cascione 6: Sembra avere il guizzo giusto, poi si perde negli ultimi metri. Il coraggio di mantenersi alto non gli manca e lo si vede quando serve l’assist per il gol di Ilari

D’Errico 7: Spina nel fianco della difesa avversaria. In tutte le azioni pericolose c’è il suo zampino. In avanti ha bisogno di un punto di riferimento come La Mantia, cui serve l’assist del 2-1.

Zigon 5: Nel ruolo di punta centrale non si trova affatto a suo agio. Quei pochi palloni che tocca preferisce appoggiarli al compagno più vicino. Ha bisogno di entrare nei meccanismi di gioco ma nel ruolo di seconda punta o esterno offensivo.

Cicerelli 6: Ci mette un pizzico di impegno in più e stavolta non s incaponisce nel cercare sempre la stessa giocata.

Ilari 7: Elemento imprescindibile per una squadra dal livello tecnico basso. Sa posizionarsi bene tra le linee e si inserisce con i tempi giusti. Il gol che apre la rimonta è molto più difficile di quanto possa sembrare a prima vista.

La Mantia 7,5: Miglior ritorno non lo poteva neanche sognare. Entra con la voglia di mordere il match e ci riesce nel migliore dei modi.

Branzani sv

Orlandi 7,5: “Date a Cesare quel che è di Cesare”. Stavolta non sbaglia una mossa: azzecca i cambi e li effettua nel momento giusto, leggendo bene la gara. Con un centrale in meno la squadra costruisce di più e si rendere più pericolosa. Un ritorno al 4-2-3-1 sarebbe auspicabile.

PROMO mini
PROMO mini