Barletta-Nocerina, le voci del dopogara In sala stampa Orlandi, Liverani, Fontana e Kostadinovic

Barletta-Nocerina, le voci del dopogara <small class="subtitle">In sala stampa Orlandi, Liverani, Fontana e Kostadinovic</small>

Conferenza postpartita al Puttilli. Al termine della gara tra Barletta e Nocerina, terminata 0-0, si presentano in sala stampa Fontana, Kostadinovic, Liverani e Orlandi.

Il tecnico della Nocerina, Fontana, parla della prestazione della squadra: “Sono soddisfatto della prestazione della squadra, nonostante gli ultimi minuti in cui abbiamo sofferto più del previsto. Abbiamo subìto tre ripartenze che avrebbero potuto compromettere il risultato, ma abbiamo mantenuto la lucidità necessaria per mantenere il risultato. Abbiamo anche sfiorato il gol in alcune occasioni, ma mi ritengo complessivamente soddisfatto“.

PROMO mini

Dopo il derby di Salerno c’è stata una reazione importante: “E’ la seconda partita consecutiva in cui manteniamo la porta inviolata – spiega Fontana – è un ottimo dato per la nostra difesa, nonostante l’infortunio di Rizza a partita in corso. C’è stata una scossa dopo il derby di Salerno, i ragazzi si sono compattati e stanno cercando di reagire al meglio. In trasferta sta mancando il seguito, ma comprendo la scelta passionale dei nostri supporters, che hanno sempre dimostrato la vicinanza ma anche la propria mentalità. Questa squadra ha bisogno di tutto il supporto possibile“.

Al mister rossonero si accoda Kostadinovic: “Ritengo che la prestazione abbia fruttato meno di quanto meritassimo, probabilmente sono due punti persi. Stiamo mantenendo un buon ruolino di marcia, siamo contenti di ciò che stiamo facendo in queste ultime partite, ma non ci possiamo accontentare. Dobbiamo cercare di reagire dopo un inizio sottotono“.

Per il Barletta parla Liverani, autore di una gran parata su Palma: “E’ stata una bella parata, ma bisogna migliorare sulle marcature. In quell’occasione abbiamo rischiato, non possiamo permettercelo se non concretizziamo sotto porta. Siamo una delle migliori difese del campionato, ma siamo in una situazione paradossale”. Non manca un’analisi su chi è già partito, come Picci, e chi invece è vicino alla rescissione: “E’ un peccato perdere pezzi strada facendo, soprattutto se si tratta di giocatori che hanno vissuto parecchi mesi al tuo fianco. Purtroppo questo è il calcio, ne prendiamo atto“.

Infine ecco Orlandi, ancora sul banco degli imputati dopo una partita sotto le aspettative: “Pareggio giusto, era una partita a rischio perchè erano in serie positiva da due turni. Ci sono state alcune fasi del gioco piuttosto fisiche, mi aspettavo una maggiore tutela da parte dell’arbitro, ma siamo riusciti ad uscirne con un punto guadagnato“. La scarsità degli attaccanti sta mettendo in difficoltà il tecnico, che dovrà prendere atto delle prossime probabili rescissioni: “Sì, la rescissione di Picci è un dato di fatto, quelle di Pippa e Allegretti no. Abbiamo provato a giocare con D’Errico, Cicerelli e Branzani dietro le punte, stiamo provando varie soluzioni ma qualche volta andiamo in difficoltà“.

La piazza chiede l’allontanamento di Martino, ma anche Orlandi non sembra al sicuro: “Non rispondo ad eventuali provocazioni sulla questione delle dimissioni, preferisco pensare al campo. Non siamo mai crollati, andremo avanti con questo progetto“. Su Allegretti e il momento attuale: “Aspetto l’ok dei medici – dice Orlandi – intanto penso alle ultime gare dell’anno. Sono convinto che abbiamo intrapreso la strada giusta, dobbiamo cercare di rinsaldare l’equilibrio tra centrocampo e attacco. Bisogna solo migliorare la precisione sotto porta“. Con il Pontedera difesa a quattro? Orlandi attende di vedere le condizioni dei giocatori: “Devo valutare lo stato di Maccarone, così come quello dei giocatori che hanno preso parte alla sfida di oggi. Attenderò un paio di giorni“. Sul mercato: “Se dovessi sedermi ad un tavolo con Martino e Tatò? Aspettiamo Natale, quando avremo terminato le ultime tre partite del 2013 potremo cominciare a pensare al mercato“.

 

PROMO mini
PROMO mini