Barletta Calcio, Pippa e Allegretti in gruppo Ripresa post-Pontedera, giocatori rientrati. Segnale distensivo?

Barletta Calcio, Pippa e Allegretti in gruppo <small class="subtitle">Ripresa post-Pontedera, giocatori rientrati. Segnale distensivo?</small>

Non si può ancora parlare di pace fatta, ma almeno si intravede un minimo segnale di distensione. Alla ripresa degli allenamenti dopo il pareggio contro il Pontedera, Orlandi ha potuto ritrovare Riccardo Allegretti e Andrea Pippa, rientrati in gruppo dopo diverse settimane di chiacchierata assenza.

Chiacchierata perchè, oltre agli infortuni che hanno colpito l’esterno e il regista, è emersa l’intenzione di contenere i costi già dalla prossima finestra di mercato, quella invernale. La risoluzione contrattuale di Antonio Picci ne è un esempio lampante, tanto da accentuare la preoccupazione dei tifosi circa un eventuale addio dei due succitati calciatori, in particolar modo del capitano biancorosso. Il rapporto con il dg Martino, pericolosamente incrinato già nelle prime giornate di campionato, aveva fatto pensare ad una separazione anticipata tra giocatori e società, ma l’allarme potrebbe essere momentaneamente rientrato.

Nella seduta di ieri mattina, Pippa e Allegretti sono arrivati in borghese sul terreno del Puttilli e, dopo un breve colloquio con lo staff tecnico, hanno preso parte all’allenamento con i non utilizzati contro il Pontedera, anche se per pochi minuti. Resta comunque difficile vederli in campo per l’ultima dell’anno contro il Grosseto, ancor più complicato esprimersi in giudizi sulla permanenza a Barletta.

Orlandi ha glissato sulle operazioni in uscita previste per gennaio, ma nella conferenza postpartita di mercoledì attendeva il rientro di Pippa, arruolabile dopo il problema muscolare. A quanto pare, è arrivato anche il tanto discusso benestare dei medici all’utilizzo di Allegretti, alle prese con un infortunio di natura ossea. L’ultimo giudizio che si attende in via Vittorio Veneto è quello della dirigenza: rescissioni in vista o avanti fino a giugno? La tifoseria è con i calciatori, Tatò e Martino devono scegliere se accodarsi o meno.