Post-Viareggio, ennesima debacle Barletta mai pericoloso, partita in mano ai toscani

Post-Viareggio, ennesima debacle <small class="subtitle">Barletta mai pericoloso, partita in mano ai toscani</small>

Ancora un day-after alla ricerca di una strada da seguire. Una strada che, nonostante la vittoria di Gubbio, rimane indirizzata verso il precipizio dell’anonimato. Il Barletta crolla per la quarta volta al Puttilli, questa volta contro un Viareggio cinico e capace di gestire senza affanno il pallino del gioco.

Difficile parlare di calcio giocato quando i biancorossi inquadrano lo specchio per la prima volta al 93′, grazie ad una sforbiciata di Zigon al centro dell’area di rigore. Prima della conclusione dello sloveno, solo una serie di lanci per l’abulico Cicerelli e un piano di gioco elementare che punta a scavalcare il centrocampo. I toscani, invece, giocano sul velluto e allargano facilmente le maglie dei reparti avversari: il gol di Vannucchi evidenzia i problemi difensivi e sugli esterni, il raddoppio di Rosafio è da cineteca, ma arriva al primo affondo in contropiede.

PROMO mini

Ciò che risalta in maniera più evidente, però, è l’idea sempre più concreta di non essere all’altezza del campionato. Dalla conferenza postpartita emerge il pensiero di Orlandi e Liverani. Il tecnico lombardo dice che il Barletta non è ancora pronto a prendere in mano le redini del gioco, non è in grado di fare la partita, mentre il portiere afferma che bisogna giocare addirittura al 200% per competere anche con avversari alla portata, come poteva sembrare il modesto Viareggio.

Con una sorta di ammissione da parte degli stessi protagonisti, la tattica e il sistema di gioco lasciano il tempo che trovano. Dopo la vittoria di Gubbio, parte della tifoseria ha provato a recuperare un invidiabile ottimismo in ottica playoff: il ko casalingo contro una compagine con lo stesso obiettivo spegne definitivamente ogni ipotesi e ambizione. E chissà che Gazzoli non abbia ragione, quando parla di linea verde. L’esperto portiere bianconero, sempre nel dopogara, spiega che non tutte le piazze possono ambire alla costruzione di rose baby: Barletta non sembra essere un ambiente per soli giovani, a differenza di quanto fatto credere dalla dirigenza biancorossa.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini