Barletta – Perugia, le voci dello spogliatorio Orlandi: "c'è rammarico, potevamo vincere"

Barletta – Perugia, le voci dello spogliatorio <small class="subtitle">Orlandi: "c'è rammarico, potevamo vincere"</small>

Camplone, allenatore Perugia

Cosa non ha funzionato oggi?

“Siamo partiti col piglio giusto. Poi ci siamo innervositi e non abbiamo giocato come dovevamo. Abbiamo incontrato una squadra ben messa in campo. Possiamo fare meglio”.

PROMO mini

Perchè ha sostituito Mazzeo alla fine del primo tempo?

“Mi serviva qualcuno che sulle palle alte potesse dare qualcosa in più ed ho inserito Eusepi”

Come le è parso il Barletta?

“E’ una squadra giovane che ha fatto la sua partita. Ha giocato una buona gara e credo possa risalire la classifica”.

E’ un punto guadagnato o perso, visto il rigore sbagliato dal Barletta?

“Prendiamo questo punto e credo ci sia andata bene. Ho invertito gli esterni per non dare punti di riferimento agli avversari. Noi puntiamo alla vittoria del campionato e dobbiamo fare molto di più. Oggi abbiamo creato pochino”.

Mister Orlandi, allenatore Barletta

“La prestazione è stata buona e c’è rammarico. Abbiamo messo qualche pallone interessante al centro dell’area. Prendiamo atto della buona prestazione. Avevamo detto che questo è un gruppo che può crescere e ci auguriamo che lo faccia rapidamente”.

Cosa ne pensa dell’espulsione di D’Errico?

“Non mi sono accorto di nulla. Ho solo visto questo cartellino”.

Ritiene che il bicchiere sia mezzo vuoto o mezzo pieno?

“Lo vedo mezzo vuoto, dal momento che abbiamo sbagliato il rigore. E’ vero che spesso la fortuna ci gira le spalle”.

Camilleri e D’Errico saranno fuori nella prossima partita. Il 3-4-3 sarà impraticabile…

“Voglio prima vedere qualche filmato relativo al Gubbio e poi deciderò come mettere in campo il Barletta”.

La squadra gioca bene solo quando ha l’acqua alla gola?

“La squadra è molto giovane ed i ragazzi non vanno caricati di responsabilità. Bisogna cercare di non gravare i ragazzi di alcun tipo di pressioni esterne”.

Come spiega il momento di Cicerelli?

“Il calcio è un gioco di squadra. Se un giocatore emerge, lo fa perchè è assistito da una squadra. Legras ha fatto bene. Cicerelli, lo ricordo, faceva parte fino a Marzo scorso della squadra Berretti. Arriverà il momento in cui gli riusciranno le giocate che hanno portato il Barletta alla salvezza lo scorso anno”.

E’ meglio utilizzare Cicerelli da titolare o farlo partire dalla panchina?

“Giocando dall’inizio il ragazzo si può responsabilizzare”.

Camilleri, difensore Barletta

Partita in cui il Barletta può recriminare sul risultato. E’ la prima volta forse…

“Peggio di Pagani era difficile fare. E’ stata una parentesi. Oggi abbiamo fatto bene col Perugia, che poteva perdere”.

Difesa blindata: non sono stati subiti gol. Come avete preparato la partita?

“Ci siamo mossi bene in difesa. Se la squadra non ha preso gol è merito di tutti quanti, non solo dei tre difensori”.

Nel finale c’è stato un episodio con protagonisti te e Fabinho. Cosa è successo?

“Ho ricevuto una tacchettata sul volto e sono andato giù. Fabinho continuava a dire che il mio intento era quello di perdere tempo e c’è stato un piccolo battibecco”.

Come vive lo spogliatoio il disimpegno del presidente Tatò?

“Oggi il presidente non era presente in campo e spero che possa vedere la partita. Vogliamo far rinascere la passione del presidente Tatò.

Cosa ne pensi dell’errore di Picci?

“Capita a tutti di fallire un rigore. Il prossimo lo segnerà”.

Intanto arriva il dato sugli spettatori. Sono 1628, di cui 1049 abbonati.  112 sono i tifosi perugini giunti a Barletta.

PROMO mini
PROMO mini