La Naurora Cestistica trionfa al PalaDisfida: è salvezza

Finisce nel migliore dei modi la stagione della Naurora Cestistica Barletta. La formazione del Presidente Mario Criscuoli ottiene una soffertissima, e forse per questo ancora più bella, salvezza vincendo, dopo gara uno, anche gara due davanti al pubblico del PalaDisfida. La serie di play-out termina sul punteggio di 2-0  per i biancorossi che, condotti dal loro coach Gino Degni, chiudono vittoriosi il match decisivo contro il Delta Basket Salerno sul 64-60, al termine di 40 minuti che sintetizzano e quasi rispecchiano l’andamento dell’intera stagione: un obiettivo, rincorso fino all’ultimo tra mille difficoltà, ma conquistato con le unghie e con i denti grazie alla forza di un gruppo sempre unito e mai domo. La Cestistica Barletta militerà anche nella stagione 2013-2014 nel campionato di Divisione Nazionale C, mentre i campani del Delta Salerno salutano la DNC e retrocedono in serie C regionale.

Partita emotiva e molto sentita da entrambe le squadre. Salerno, con le spalle al muro dopo la sconfitta casalinga di gara uno, si gioca il tutto per tutto con un roster decimato, sul quale pesano come macigni le assenze dell’infortunato Esposito e dello squalificato Corvo, assente anche al PalaSilvestri. Coach Menduto, costretto a ruotare solo con due uomini dalla panchina, schiera il quintetto obbligato con Antonucci, Norcino, Capaccio, Parlato Balestrieri. La Cestistica si presenta ai nastri di partenza con Di Napoli, Chiandetti, Gambarota, Serino Sisto. I biancorossi partono in sordina con mani fredde e poca lucidità: la consapevolezza di dover vincere a tutti i costi, per evitare una scomoda gara tre in trasferta, influisce negativamente sui ragazzi di coach Degni. Dopo un quarto e mezzo di sofferenza, anche per il caloroso pubblico del PalaDisfida, in cui Barletta ha rischiato di sprofondare oltre le 10 lunghezze di svantaggio, inizia la lenta ripresa dei padroni di casa, che agganciano e superano gli avversari nel corso della terza frazione. I campani accusano la fisiologica fatica, che si traduce in un inesorabile calo di rendimento sul parquet e la Cestistica riesce a costruirsi un discreto margine. Fondamentale il “lavoro sporco”, quello che non va a referto: dai secondi possessi da rimbalzo offensivo, all’ intensità e ritmo impresso da Falcone, ai punti di Sisto, Gambarota e di un ottimo Di Napoli. Nel finale, con le speranze ospiti ridotte al lumicino, il capitano Antonucci, d’orgoglio, prova a guidare una disperata reazione. Una gran tripla di Parlato tiene col fiato sospeso l’intero palazzetto, ma è ancora Gambarota, con un 2/2 in lunetta, a chiudere definitivamente i conti. Finisce 64-60 e, dopo l’ultima sirena stagionale, può finalmente esplodere la gioia in campo e sugli spalti.

PROMO mini
PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini