Dietro la partita: il post-Viareggio

 

Una partita che non avrebbe detto nulla? Non per il Barletta. Il Viareggio, in piena corsa per la salvezza diretta, paga dazio al Puttilli e crolla sotto i colpi di Dall’Oglio, Dezi, La Mantia e Carretta. Terza vittoria consecutiva per i biancorossi, adesso certi almeno del terzultimo posto e concentrati sulla sentenza ai danni dell’Andria, attesa per venerdì.

Bagni Teti Wide Small

[quote_left]Orlandi, ruolino playoff[/quote_left]

Orlandi raggiunge così dodici punti in sette gare, dimostrando di aver trovato la quadratura del cerchio appena in tempo per partecipare ai playout. Anche con alcune seconde linee, la difesa e il centrocampo reggono senza patemi e dominano per larghi tratti del match, salvo dopo il 2-0, quando i toscani alzano il baricentro alla ricerca di una rimonta disperata. Segnali positivi anche dall’attacco: assist per Cicerelli, gol per La Mantia. Il digiuno è ormai acqua passata, ma pesano tre errori a portiere battuto.

[quote_right]Difesa, buon rientro di Burzigotti[/quote_right]

Con un avversario davvero sottotono, brillano tutti gli elementi schierati dal tecnico lombardo. Protagonista anche Liverani, che para un rigore calciato con sufficienza da Giovinco. La retroguardia va in affanno solo nella prima parte della ripresa, quando il risultato pare già acquisito. Già, pare: il penalty avrebbe potuto riaprire i conti, ma i riflessi dell’estremo biancorosso infondono sicurezza ai tre difensori.

Alla conferma di Camilleri e Romeo si aggiunge il rientro di Burzigotti, stavolta sul centro-sinistra. Riscattata la prova deludente di Pagani, acquisisce maggior fiducia nei propri mezzi grazie ai compagni di reparto e i palloni lunghi per Giovinco e Magnaghi sono facile preda per i tre centrali.

[quote_left]Centrocampo, Dall’Oglio factotum[/quote_left]

Ottima prova quella del centrocampo. Dall’Oglio si rivela un valore aggiunto, non solo per il gol, mentre Allegretti giganteggia con le finezze in mediana e con la punizione che si stampa sul palo: le preghiere di Gazzoli vengono esaudite, ma solo in quella circostanza. La coppia centrale alterna un buon gioco di contenimento ad inserimenti letali, come dimostra la propensione ad allargarsi di Dezi, che detta il movimento a tagliare di Dall’Oglio. Superiorità numerica a ridosso dell’area e condizione ideale per i traversoni di Molina e Pippa, moti perpetui sulle corsie esterne.

[quote_right]Attacco, Cicerelli ancora protagonista[/quote_right]

L’attacco certifica la crescita esponenziale di Cicerelli, insperata miniera d’oro per il Barletta. Ancora un assist dopo quello col Prato, ancora utile per sbloccare la partita. Spalla perfetta di un La Mantia ancora ruvido, ma sufficientemente efficace, si diletta anche in cavalcate centrali e tunnel in surplace che irretiscono gli avversari, a fine partita in 9. Bene anche il centravanti, nonostante la scarsa freddezza sotto porta.

I cambi fanno rifiatare alcuni elementi in debito d’ossigeno e uno in particolare vale il poker: Carretta torna tra le note positive, mettendosi in mostra con una sfortunata percussione in contropiede ed una rete al 90′.

Tante note positive, dunque, che fanno ben sperare per il finale di campionato. Importante, però, predicare un cauto ottimismo: il Barletta continua a giocare sugli episodi, come il rigore parato o il palo di Carrara sull’1-0 per i toscani. Ogni pallone può essere determinante per una squadra che chiuderà nei bassifondi della classifica: tre vittorie consecutive sono un buon viatico, ma non la panacea di tutti i mali.

 

Betland mini wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Zerodue Mini Wide
Bagni Teti Wide Small
Bagni Teti Wide Small

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bagni Teti Wide Small