L'angolo di Lelio – VIII puntata

URLANDO CONTRO IL CIELO

“Se è un purgatorio è nostro perlomeno”

Frase che appartiene al grande Luciano Ligabue.

PROMO mini

Nonostante si tratti di purgatorio, al momento, il penultimo posto rappresenta l’obiettivo minimo da conseguire  in questo finale di campionato e dev’essere nostro, costi quel che costi. La Mantia, dopo aver riacquistato la memoria ed essersi ricordato di come si fa gol, ha disputato un’ottima prestazione arricchendola con una bella rete. Avrebbe potuto realizzare una tripletta, solo che sovente i suoi piedi sembrano quelli di Frodo Baggins, il famoso Hobbit di J.R.R. Tolkien.

Battute a parte, non ha nulla in meno di Ciofani, bomber del Perugia. E’ tutta questione di mentalità.

Prima si convincerà di avere importanti qualità, prima comincerà a segnare a ripetizione. Sono stato felicissimo nel vedere tra i titolari il baby Cicerelli e non mi dispiacerebbe leggere tra i convocati il nome di Palmitessa. Ottima prova anche di Liverani, nonostante un’uscita degna di Zenga contro l’Argentina, durante “Italia ‘90”.
Fortuna che Essabr non è Caniggia. Su “Diego Armando” Allegretti non so più quali aggettivi usare.
Grande calciatore, immenso capitano!

La giusta iniezione di fiducia prima dello spareggio di Carrara, anche se resto dell’idea che la corsa per evitare l’ultimo posto va fatta sul Sorrento.

Proprio i campani affronteranno in casa il Catanzaro, guidato dal nuovo allenatore Salvo Fulvio D’Adderio, e speriamo che i nostri “fratelli” non si comportino come Caino con Abele. Sbagliare è umano, vedasi contro la Carrarese al Ceravolo, perseverare è diabolico.

In occasione della partita contro il Prato, si è rivisto in tribuna l’indimenticato DS Giuseppe Geria. Lo vedrei bene come futuro DS del Barletta con Martino nel ruolo di Direttore Generale.

La sosta permetterà al mister Orlandi di recuperare qualche pedina. Dubito si possa recuperare Menegaz, ormai da qualche mese in convalescenza ad Empoli. Evidentemente, il difensore brasiliano, girovagando tra Piazza Farinata degli Uberti ed il Parco di Serravalle, deve aver dimenticato la via che conduce a Barletta. Sarà la saudade che colpisce i brasiliani, anche se, mi riesce difficile credere che una persona possa soffrire di nostalgia in una città calda ed accogliente come la nostra.

Possibile che il calciatore non possa recuperare dall’infortunio nella città della squadra per la quale al momento è tesserato?

Mah…

Poco importa, la difesa offre ampie garanzie con un Romeo apparso più in palla del colosso di Sansepolcro Burzigotti, più a suo agio,  forse, come centrale in una difesa a quattro.

Ragazzi contro la Carrarese non abbiate paura di sbagliare. Osate e giocate come sapete.

E ricordatevi che “Non saremo delle star ma siam noi, con questi giorni fatti di ore andate per un weekend […]. Non si può sempre perdere […] certe luci non puoi spegnerle”.

Forza Barletta, sempre!

Urliamolo tutti insieme contro il cielo.

Lelio Della Duchessa

 

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini