La Cestistica va k.o. contro Vasto

La Naurora Barletta non riesce a sbloccarsi. Davanti alla “bollente” cornice di pubblico del PalaMarchiselli i biancorossi della Cestistica vengono nettamente battuti dai più quotati avversari della Bcc Valle Trigno Vasto con il punteggio di 64-81. Gli abruzzesi, padroni del match già dal primo quarto, confermano la seconda piazza in classifica salendo a 36 punti, davanti, di due lunghezze, alla coppia Maddaloni, Magic Team Benevento. Proprio i campani, ancora in piena bagarre play-off, saranno l’ultimo avversario di stagione regolare dei biancorossi di coach Degni, chiamati all’impresa per espugnare il difficile parquet di Benevento. La Cestistica resta a 14 punti, nei bassifondi di una classifica sempre più difficile, complicata ulteriormente dal successo di Monopoli, nel fondamentale scontro diretto contro Salerno, che ora “vede” la salvezza portandosi a quota 16. Tutto si deciderà nell’ultima giornata, la ventiseiesima, che vedrà i campani del Delta Salerno (ultimi con 12 punti) impegnati in un match casalingo non impossibile contro la già salva Mola e la Cestistica di scena a Benevento contro il Magic Team. Trasferta a Trani per l’ AP Monopoli.

Primo parziale:  

Le squadre si presentano ai blocchi di partenza con Di Napoli, Degni, Gambarota, Serino Sisto da una parte, Dipierro, Di Lembo, Marinaro, Sergio e Marinelli dall’altra. Già nelle prime battute emergono le difficoltà in casa Cestistica, nell’attaccare un avversario molto ben organizzato in fase difensiva e pericoloso in attacco, grazie all’estro delle velocissime guardie Dipierro Di Lembo. Lo 0-6 iniziale è firmato dall’ottimo inizio della giovane ala Marinaro. Barletta prova a scuotersi con i canestri del solito aggressivo Gambarota e di Degni (da 3 punti) e torna sotto nel punteggio (7-10). Ma proprio a metà frazione, quando sembrava tutto in equilibrio, arriva il terribile parziale ospite (1-15) che porta nel peggiore dei modi alla prima sirena. Un incontenibile Marinelli , già a quota 8 punti, Marinaro e i primi punti di Dipierro, regalano 17 lunghezze di vantaggio a Vasto: 8-25. Decisamente impreciso l’attacco dei padroni di casa, che si affidano troppo e male alle conclusioni dalla lunga distanza.

PROMO mini

Secondo parziale:

Coach Degni pesca dalla panchina Gianfranco Falcone, a cui chiede quel cambio di ritmo che spesso il numero 7 garantisce. La scossa c’è ed è proprio il neo entrato play-maker che contribuisce con grande intensità difensiva, rimbalzi (4 nei primi 4 minuti di parziale) e canestri, a riportare la Cestistica sotto di 11 punti. Troppo esperto, però, l’avversario per gettare alle ortiche un vantaggio così rassicurante: in risposta, arrivano puntuali 5 punti in fila di Di Lembo e la prima tripla dopo  2 errori del lungo-tiratore Sergio a dare 20 punti di vantaggio agli abruzzesi sul 19-39. Dopo altri due punti, in lunetta, di Falcone si va all’intervallo lungo con il tabellone del PalaMarchiselli che segna 21-39 per gli ospiti, in controllo delle operazioni.

Terzo parziale:  

Dopo i 10′ di riposo il trend non cambia anzi, se possibile, peggiora: Vasto scende in campo per dare la spallata decisiva al match, e va a segno con bombe consecutive, due del neo entrato Ierbs e una di Sergio. Cestistica che sprofonda a -25 (23-48), ma che trova comunque l’orgoglio e la forza di reagire e riportarsi sotto di 13 sul 39-52. A spingere il controparziale i punti in lunetta di un Di Napoli finora confusionario ed impreciso nelle conclusioni, e ancora di Falcone, oltre ad una tripla di Gambarota. Vasto, tuttavia, con facilità quasi disarmante, si riporta in men che non si dica sul  +19 con altri due tiri da fuori di Dipierro e Marinaro, quest’ultimo a segno anche dalla media. Fine terzo periodo sul 41-60 e Cestistica ricacciata indietro.

Quarto parziale:  

Poco da segnalare nell’ultimo quarto di gioco: la Cestistica non riesce mai ad avvicinarsi all’avversario, ormai con la vittoria in tasca, e ottiene solo la magra consolazione di superare gli ospiti nel parziale, vinto per 23-21. Ma conta il giusto. Nel finale, minuti per i giovani Balducci Miolla, quest’ultimo a segno con due punti. Anche Vasto da spazio ad un prodotto del vivaio, il giovanissimo classe ’97 Sabetta, a segno anche lui con un tiro libero. L’ incontro termina 64-81.

Gara sostanzialmente senza storia che ha visto prevalere la squadra più forte, ben assortita, non a caso seconda e seria candidata ad un ruolo da protagonista nei difficili play-off. Biancorossi barlettani in difficoltà già nei primi 10′, ma comunque mai domi e sempre pronti a sfruttare i passaggi a vuoto degli avversari per risalire, almeno parzialmente, nel punteggio. In casa Cestistica i migliori sono i barlettani Falcone Gambarota. Il primo è decisivo quando entra evitando il tracollo dei suoi. Chiude il match con 13 punti, 6 rimbalzi, 3 recuperi in soli 17 minuti, meritandosi la palma di migliore. Il secondo è il più costante nell’arco del match, andando a segno con 15 punti ed il 70% di realizzazione. Top scorer, ma tra luci ed ombre Fabio Di Napoli: per lui 17 punti quasi tutti in lunetta, 5 rimbalzi 2 assist, ma anche tanti insoliti errori al tiro e in gestione dei possessi. Anonime le prestazioni dei lunghi, a partire da Sisto, autore di soli 6 punti con il modesto 10% al tiro e 4 palle perse, a seguire con Defazio, nessun punto e 3 falli commessi in 13 minuti e Serino, diligente, ma meno brillante del solito, a segno con 6 punti. Molto fredda la mano di Degni, 3 punti e 1/6 da 3 con l’unica tripla a bersaglio nei primi minuti di gioco. Tra gli ospiti mattatori Marinaro e il centro Marinelli, autori di 19 punti a testa, nonostante un fastidioso infortunio alla testa per il centro, costretto nella seconda metà di gara, ad una vistosa fasciatura. I pericolosi Sergio Dipierro (secondo marcatore del girone G con 18 punti di media) chiudono con 9 e 12 punti. In doppia cifra (10) anche il play-guardia Di Lembo, 9 punti con il 100% al tiro per Ierbs.

Verdetti tutti rinviati al prossimo, ultimo impegno di regular season: la trasferta sull’ostico parquet del Magic Team Benevento, squadra quasi imbattibile in casa, ma già battuta al PalaDisfida in un precedente che fa ben sperare, da coach Degni e i suoi. Appuntamento a domenica 28.

PROMO mini
PROMO mini