Biancorossi contestati a fine gara

 

La sconfitta subìta contro la Paganese, la quindicesima in ventisei partite, è terminata con il faccia a faccia tra i giocatori del Barletta e il settore ospiti: al Marcello Torre, il piccolo gruppo di tifosi barlettani non ha risparmiato le proprie critiche dopo l’ennesima prestazione incolore di questa stagione.

PROMO mini

[quote_left]Seconda contestazione in un mese[/quote_left]

Subito dopo il fischio finale, i 25 supporters presenti a Pagani hanno invitato la squadra sotto lo spicchio assegnato, replicando la contestazione già messa in atto dopo il ko contro il Gubbio. A differenza di quella precedente, culminata con l’esonero di Novelli, quella successiva al ko odierno ha immediatamente assunto tratti meno amichevoli. Dal sostegno incondizionato si è passati ad aspre polemiche circa la prestazione al cospetto dei campani: infine, il rinnovato obbligo di vittoria nella prossima sfida contro il Prato.

Prima di imboccare la via degli spogliatoi, Burzigotti, Camilleri e La Mantia hanno lanciato le proprie maglie ai tifosi sugli spalti, impegnati anche in un’accesa discussione con Simoncelli.

Nervi tesi, dunque, in casa Barletta: il contemporaneo aggancio da parte della Carrarese complica la strada verso i playout. Tre squadre a quota 17 punti, con quattro battaglie ancora da disputare. Fuori dal campo, intanto, pare affievolirsi il sostegno della piazza, sempre presente in questo campionato tormentato.

 

 

PROMO mini
PROMO mini