Prato, spettro playout

 

C’è chi i playout vuole evitarli a tutti i costi, ma c’è anche chi lotterà fino all’ultimo secondo per entrare in griglia. E’ questo, l’inquietante leitmotiv che caratterizza il ventisettesimo match del Barletta in questa stagione disastrosa. Al Puttilli arriva il Prato di Vincenzo Esposito, ad appena tre punti di distanza dal quintultimo posto.

PROMO mini

I lanieri, che all’andata ebbero la meglio grazie ad un gol di Disabato, tornano al Puttilli dopo 15 mesi. Era il 15 gennaio 2012 quando i biancorossi, all’epoca guidati da Marco Cari, sconfissero i toscani con una tripletta di Mazzeo, che rimontò la svantaggio iniziale targato Alberti. Decisamente altri tempi, paragonando le classifiche delle due stagioni. Il Barletta è con le spalle al muro, a secco di gol da quattro turni e obbligato a vincere, se vuole evitare patemi con Sorrento e Carrarese.

[quote_left]Quattro assenti, un quinto in dubbio[/quote_left]

Dall’altra parte c’è un Prato in condizioni simili: tre pareggi e una sconfitta nelle ultime quattro partite, con i fantasmi della zona calda alle calcagna. Un ottimo girone d’andata dà ai biancazzurri una relativa tranquillità rispetto al Viareggio, ma le quattro assenze pesanti previste per domenica potrebbero annullare il vantaggio. A Barletta, infatti, mancheranno per squalifica De Agostini, Bisoli, Cavagna e Corvesi, oltre al dubbio legato alla convocazione di Silva Reis.

Il calendario è favorevole rispetto ai cugini del Viareggio: Barletta, Pisa e Perugia avversari in comune, ma all’ultima giornata i lanieri avranno l’Andria e i bianconeri il Frosinone, con entrambi gli incontri in casa delle dirette interessate. Difficile fare calcoli, soprattutto tra due squadre in calo rispetto al 2012. La partita contro i biancorossi dirà molto sul destino del Prato, oltre che su quello dello stesso Barletta.

[quote_right]Pochi gol segnati nelle ultime quattro[/quote_right]

Orlandi ed Esposito hanno in comune la scarsa vena realizzativa della squadra: nessun gol per i biancorossi, due per i toscani, che nel girone di ritorno hanno vinto solo due partite. La forza della disperazione e la voglia di scampare il pericolo potrebbero essere i fattori determinanti del match: due squadre che si sfidano a viso aperto per evitare il dramma del rush finale, dall’altro lato anche la paura di perdere e l’intenzione di conservare il pareggio. Pareggio che starebbe bene al Prato, molto meno al Barletta.

Meno di 48 ore alla prima di tre sfide fondamentali: biancorossi costretti a fare risultato pieno, ospiti intenzionati a mantenere la posizione. Fischia Cangiano di Napoli, all’esordio nella categoria. Due precedenti con il Barletta e altrettante sconfitte, un pari con il Prato.

 

Bellino Mini Wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Zerodue Top Boss

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Bellino Mini Wide
Betland mini wide
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini