Cestistica sconfitta nel recupero di Salerno

Seconda trasferta settimanale e seconda sconfitta per il team biancorosso della Cestistica Naurora Barletta. Dopo la sconfitta di domenica scorsa, ad opera della formazione pugliese dell’ AP Monopoli, i ragazzi di coach Degni escono sconfitti anche dal PalaSilvestri di Salerno, sul cui parquet i padroni di casa del Delta Bk Salerno si impongono con il punteggio di 94-80, al termine del match di recupero valido per la prima giornata di ritorno (quattordicesima totale) del girone di Divisione Nazionale C. Si ricorda che l’incontro si sarebbe dovuto disputare domenica 20 gennaio, ma, in tal data, fu rinviato per impraticabilità del campo. Sconfitta abbastanza deludente, quella odierna, per i portacolori della città della Disfida, che cedono il passo ad una diretta concorrente per l’obiettivo salvezza: i salernitani infatti, pur restando in ultima posizione in classifica, salgono a quota 6 punti, ottenendo la terza vittoria della loro stagione. Restano 10 i punti di Degni e compagni, fermi al terzultimo posto e chiamati ad un necessario e immediato riscatto tra le mura amiche, per continuare la rincorsa a posizioni in classifica decisamente più tranquille.

Primo parziale:

Gino Degni si affida all’ormai consueto quintetto composto da Di Napoli, Degni, Gambarota, Sisto e Defazio. Orlando Menduto, coach dei campani, risponde con Antonucci, Esposito, Corvo, Parlato e il centro Balestrieri. Pronti, via. La partenza è subito in salita per i biancorossi: la formazione di casa sfodera, sin dall’inizio, un’inconsueta quanto sorprendente prestazione al tiro medio-lungo, con il play maker Antonucci sugli scudi. Suoi addirittura 17 dei 34 punti totali di squadra nel parziale d’avvio, frutto anche di 3 bombe. Per gli ospiti buono l’avvio offensivo di Sisto. Alla prima sirena è 34-16, con la Cestistica già in svantaggio di 18 lunghezze ed in balìa delgli scatenati avversari.

Betland mini wide

Secondo parziale:

la Cestistica prova a superare l’inizio “shock” e, in parte, ci riesce abbozzando una rimonta che riduce lo strappo fino al -11. Ma, come è ovvio, l’impresa di recuperare fuori casa un passivo di tale consistenza, a prescindere dall’avversario, è ardua, e richiede notevole dispendio fisico e mentale. Il -11, raggiunto con la costanza offensiva di Sisto e un Di Napoli in crescita, viene prontamente riallargato dai padroni di casa, letali al tiro da fuori (44% di squadra) e in lunetta con un impressionante 30/35. Oltre al solito Antonucci, in evidenza la guardia Esposito, in campo per tutti i 40′, autore di 3 bombe su 5 tentativi. A metà gara Salerno conduce di 15 sul 52-37.

Terzo parziale: 

al rientro dall’intervallo lungo, accade l’incredibile. La Cestistica si rende protagonista di una reazione rabbiosa, impersonata dall’intensità espressa da Serino, in campo per 29 minuti, nei quali afferra ben 11 rimbalzi (4 in attacco), segna 7 punti e stoppa alla grande il veterano, prossimo quarantaquattrenne, Corvo. Dopo l’inizio col freno a mano tirato, sale di giri anche il miglior realizzatore biancorosso, Giovanni Gambarota. Il parziale è da brividi: un 3-20 con cui la Cestistica riesce a raggiungere e addirittura superare, sul 55-57, il Delta Bk, che appare in confusione e con il controllo del match improvvisamente perso. Al termine di un terzo quarto confuso e nervoso, con 3 falli tecnici a carico dei padroni di casa, il punteggio è 64-61, con gli arancio-blu campani che riescono a rimettere la testa avanti, seppur solo di 3 punti.

Quarto parziale: 

l’ultima frazione di gara inizia e prosegue in totale equilibrio. Le due squadre sono in difficoltà nella gestione dei falli: per Barletta va fuori Degni, autore di una gara deludente, con un a dir poco inconsueto 0 alla voce punti e solo 2 tiri presi in 35 minuti. 5 i falli, in 17 minuti, anche per Falcone, quest’ultimo, tuttavia, autore della solita prova di gran cuore dalla panchina, condita da 8 punti. Per i padroni di casa la situazione falli appare quasi disperata: già a referto con soli 9 effettivi, i campani sono costretti a fare a meno anzitempo di Antonucci, Menduto Capaccio, gli ultimi 2 autori di 5 falli addirittura in 13 10 minuti. Nonostante la rotazione di coach Menduto sia limitata, ormai, a 6 giocatori, Salerno riesce a spuntarla nel finale “punto a punto”, in cui la Cestistica, costretta al fallo sistematico, non può nulla di fronte alla freddezza in lunetta degli avversari. Il passivo, così, aumenta fino al punteggio conclusivo di 94-80.

I biancorossi escono sconfitti da una partita rocambolesca, iniziata malissimo, poi miracolosamente recuperata, ma gestita meglio dagli esperti padroni di casa nelle battute finali. Non bastano i ventelli di Gambarota Di Napoli, il primo autore di 21 punti, 11 dei quali provenienti dai 17 tentativi totali in lunetta, il secondo a referto con 20 punti, compresa l’unica tripla targata Cestistica, che rispecchia la serata decisamente negativa al tiro (1/9 di squadra). 18 punti di un solido Sisto, 11 rimbalzi più 7 punti per Serino. Per il Delta Bk il migliore, nonchè migliore in campo, è il veterano play maker quarantatreenne Antonucci, che, nonostante i 5 falli in 27 minuti, chiude con 28 punti e uno straordinario 94% dalla linea della carità. Encomiabili le prestazioni di Parlato ed Esposito, entrambi costretti dalle limitate rotazioni a rimanere in campo per l’intera durata del match. Per Parlato doppia doppia da 15 punti 12 rimbalzi, mentre ci sono 23 punti 5 rimbalzi della guardia. In doppia cifra anche l’altro veterano Corvo e il decisivo play di riserva Norcino, entrambi a referto con 10 punti.

Il prossimo appuntamento, valido per la diciassettesima di campionato, metterà la Cestistica Barletta di fronte ai molisani della Farmacia Sardella Venafro, compagine sconfitta nel match d’andata in trasferta. Spinti dal sostegno, che si spera quantomai vivo, del pubblico del PalaDisfida, i biancorossi proveranno, già da domenica 10, a conquistare altri 2 punti di capitale importanza per il tortuoso cammino in campionato.

 

[quote_simple]I Tabellini

SALERNO – Esposito 23, Parlato 15, Corvo 10, Antonucci 28, Balestrieri 6, Norcino 10, Menduto 2, Capaccio 0 n.e.: Gentile
Coach: Menduto Orlando

BARLETTA – Gambarota 21, Degni 0, Sisto 18, Di Napoli 20, Defazio 2, Serino 7, Falcone G. 8, Chiandetti 4 n.e.: Balducci, Falcone A.
Coach: Degni Luigi

Pala Silvestri[/quote_simple]

Zingrillo mini wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Brainwave Mini Wide Post
Brainwave Skyscraper
Betland mini wide
Bellino Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Zingrillo mini wide